Archivio Tag: B’nai B’rith

Mag 22

0248 – Logica della repressione del pensiero e della ricerca storica praticata dai socididio e loro reggicoda

La lettera di Mancino.Sono però sollecitato

Premessa Teniamo presente che… “Gli Israeliti sono chiamati Uomo , e i Goyim non sono chiamati Uomo” (Bava Metzia 114b), si tratta di un commento al verso di Ezechiele 34:31: “Voi siete le mie pecore, le pecore del mio pascolo; siete Adam (Uomo) e io sono il vostro Dio”. …quindi quando parlano di uomini si …

Continua a leggere »

Apr 16

0210 – Nel boicottaggio dell’ebraismo la prima dichiarazione di guerra al Nazionalso­cialismo e alla Germania

Putzi Hanfstaengl e Diana Mitford,1934 al raduno del NSDAP a Norimberga nel 1934

La pubblicazione di questo  testo avviene col consenso dell’Autore, che ringraziamo Brano tratto da HOLOCAUSTICA RELIGIO Psicosi ebraica, progetto mondialista di  Gianantonio Valli seconda edizione, ampliata, corretta  e reimpostata, di Holocaustica religio – Fondamenti di un paradigma Il testo presentato è una accurata ricerca di informazioni intorno al comportamento di ampia parte dell’ebraico internazionale nei …

Continua a leggere »

Mar 08

0139/ V – Le valenze dell’olocausto in Holocaustica religio, psicosi ebraica, progetto mondialista: aggressiva

Henryk M. Broder

Brano tratto da HOLOCAUSTICA RELIGIO Psicosi ebraica, progetto mondialista di  Gianantonio Valli seconda edizione, ampliata, corretta  e reimpostata, di Holocaustica religio – Fondamenti di un paradigma Copertina di Holocaustica religio, cliccare sulla foto per ingrandirla LE VALENZE DELL’OLOCAUSTO 5 – aggressiva Valenza precedente: “Le valenze dell’olocausto in Holocaustica religio, psicosi ebraica, progetto mondialista: difensiva“, cliccare …

Continua a leggere »

Dic 26

0101- Treblinka le foto aeree del tempo di guerra gettano dubbi che fosse un campo di sterminio

Documento 331-PS, esibito a Norimberga il 14.12.1945.Si cita SOLO  "steam" , vapore!Click...

TREBLINKA Foto aeree di Treblinka del tempo di guerra gettano nuovi dubbi sul fatto che fosse un “campo di sterminio”. Di Mark Weber e Andrew Allen Treblinka,Settembre 1944, foto aerea. Treblinka è ampiamente considerato come il secondo centro di sterminio tedesco più importante del tempo di guerra. Si suppone che solo Auschwitz-Birkenau abbia reclamato più …

Continua a leggere »

Nov 16

0061- Ventesima lettera del dottor Gianantonio Valli al signor Stefano Gatti

Bernard JOUANNEAU, Président de Mémoire 2000

Il Dr.Valli si pone la domanda “Che fare” ed elabora 3 alternative possibili, l’esperienza di vita ci suggerisce di optare per la terza soluzione, per ragioni terra-terra e di conseguimento di obiettivi, anzi, dell’obiettivo: la facoltà di tornare ad essere coltivatori e raccoglitori stanziali della terra degli Avi, con l’allontanamento dei nomadi-predatori che rubano il …

Continua a leggere »

Nov 04

0046- Assoggettamento e decadenza delle sovranità democratiche…di Eric Delcroix

Assoggettamento e decadenza delle sovranità democratiche La “innovativa” presa in conto da parte del diritto penale contemporaneo dell’intenzione puramente soggettiva (movente ultimo, arrière-pensée, foro interiore, o coscienza intima che sia), per la definizione strutturale stessa dei crimini e dei reati, ha una fonte internazionale (1). Questa fonte storica essenziale risiede nello statuto del Tribunale Militare …

Continua a leggere »

Nov 02

0043- o£ocau$to, dal dramma al business ? Riflessioni di Mario Spataro sugli scritti di Norman G. Finkelstein

Olocausto, dal dramma al business ? Riflessioni sugli scritti di Norman G. Finkelstein Mario Spataro   Le verità, se non sottoposte a continua revisione, cessano di essere verità. E, attraverso le esagerazioni, diventano falsità. John Stuart Mill (1) PREMESSA Consapevole del fatto che chi parla dell’Olocausto si avventura in un campo minato, nel preparare questo …

Continua a leggere »

Ott 15

0017- Dodicesima lettera del dottor Gianantonio Valli al signor Stefano Gatti

vallisiria,syria,valli,

Dodicesima lettera del dottor Gianantonio Valli al signor Stefano Gatti  Gentile signor Gatti, l’impegno preso con Lei in luglio sta volgendo alla fine senza avere ottenuto lo scopo da cui era nato: ottenere soddisfazione per l’uso nei miei confronti, a mio parere scorretto, dell’aggettivo «famigerato». Scorretto, beninteso, dal punto di vista non tanto morale – …

Continua a leggere »