«

»

Giu 26

1447 – Pregiudizio sionista: la negazione dell’Olocausto è incitamento all’odio

.

Imm-1, FT. Vietato negare l'olocausto. Torniamo brevemente sull’isterica, irrazionale, “folle”, liberticida, legge sul cosiddetto “negazionismo” (Vedere qui).
Legge che nelle pubbliche ed ufficiali assicurazioni, fornite da chi ha materialmente presentato (non ci è noto l’ideatore, l’autore reale) il testo definitivo (emendamento 1.401),  “assicurano” che…

Affermazione-A
…”Un ulteriore aspetto che vorrei mettere in evidenza è che non si punisce il negazionismo della Shoah, dei crimini di guerra, di genocidio e contro l’umanità fine a se stesso, così determinando il rischio di impedire il dibattito culturale. Ciò non avviene perché si utilizza una chiara espressione – «si fondano in tutto o in parte» – che sta a significare che la negazione deve essere sostanzialmente un mezzo attraverso il quale si strumentalizzano la Shoah e i crimini di guerra, di genocidio e contro l’umanità per incitare alla violenza. Questo è l’assetto della norma. Quindi, se taluno si limita a negare, ma non funzionalmente, cioè strumentalizzando la negazione per incitare alla violenza, il fatto non è di rilevanza penale“…(1)
SENATO-D'ASCOLA-Emendamento 1401, negazione pura è libera,poi approvato come legge tagliagole- Legislatura 17ª - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 617 del 28.04.2016Affermazione-B
…”D’ASCOLA (AP (NCD-UDC))…. Insomma, questo testo limita il dibattito scientifico-culturale? No (la risposta è categorica), perché in questo caso non si punisce il negazionismo, ma l’istigazione a delinquere e a commettere gravi delitti che si giovi e si fondi sul negazionismo….Sarebbe come dire – e mi scuso pubblicamente per questa espressione crudele nel suo estremismo verbale, ma che giova come esemplificazione concreta di ciò che si punisce – «Uccidete il popolo ebraico perché la Shoah se la sono inventata loro». Questa sarebbe condotta riconducibile nel perimetro della punibilità: istigazione a delinquere fondata sulla negazione della Shoah. Ma se non si istiga a delinquere, qualsiasi forma di negazione, di critica storica, politica, culturale, non è minimamente aggredibile da questa disposizione.”...(2) 

SENATO-D'ASCOLA-Emendamento 1401, approvato come legge tagliagole-Resoconto stenografico seduta n. 619 del 03.05.2016 negazionismo puro non è reato“Assicurazioni” che poco assicurano se è vero che due soggetti di “qualche” importanza hanno dichiarato:
1) …<<Da oggi…chi nega la Shoah sa che non potrà più esprimere i suoi deliri impunemente>>… (dureghello ruth, presidente della comunità ebraica di Roma)
2) …<<negare la Shoah in Italia è reato>>…(pacifici riccardo, ex presidente della comunità ebraica di Roma, attualmente: per il …”World Jewish Congress, monitorerò le condizioni di protezione delle comunità ebraiche europee e vigilerò su tutti i fenomeni di antisemitismo”…
Giustapponendo l’Affermazione-A e l’Affermazione-B coi punti 1 e 2 appena esposti il quadro risultante è assolutamente schizofrenico, confusionario per il lettore.
I normali lettori resteranno interdetti, va precisato che abbiamo fatto leggere i 4 testi a 5 persone e da questi abbiamo rilevato un comune imbarazzo nel fornire una risposta.
Cosa ha permesso ai due soggetti di essere più realisti del re esprimendo  certezze che paiono in netto contrasto con le “assicurazioni” del presentatore del testo di legge?
Fine del post.

Note
1) Fonte:http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=971866
2) Fonte: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=972448

____________________Considerazioni slegate dal post soprastante____________________

Come spacciare un non reato per reato?

!in questa repubblica è punito manifestare di avere dubbi sull'olocausto ebraicoTorna alla mente la lettura di un brano dell’immensa opera del Dott. Gianantonio Valli

…<<Nulla quindi di che stupirsi dello squilibrato grido à la Matas, di Robert Wistrich, docente di Storia Ebraica all’Università di Gerusalemme, in chiusura della voce «Negazio­nismo» nel Dizionario dell’Olocausto:

«Dal punto di vista ebraico, la negazione dell’Olocausto è considerata come una forma particolar­mente perversa di incitamento all’odio – come l’aspetto più aggiornato di giustificazione razionale dell’odio contro gli ebrei, a stento celato sotto la maschera della revisione storica. Non per nulla i negazionisti sono stati chia­mati assassini della memoria, settari autori di una sorta di genocidio simbolico [sic] contro il popolo ebreo. Dietro questo attacco senza vergogna alla memo­ria degli ebrei, tuttavia, vi è una negazione ancora più grave delle premesse fondamentali di una società fondata sulla ragione, un appiattimento di tutti i valori e una distruzione della realtà storica»>>…(a)

Incitamento è sinonimo di istigazione (all’odio), ma

…”si potrebbe obiettare che l’ordinamento nazionale già prevede delle norme che sanzionano chi diffonde o incita in qualsiasi modo a commettere atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi (vedasi la L.654/1975 di Ratifica ed esecuzione della Convenzione internazionale di New York sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, ovvero, la più nota “legge Mancino” – L. 65/1993 – entrambe modificate dalla più recente L. 85/2006)“…

conseguentemente il problema, di reprimere la libertà di espressione del negazionista, tramite questa legge, consisterà solo nel… far capire ed accettare il  “punto di vista” secondo cui…”la negazione dell’Olocausto è…una forma particolar­mente perversa di incitamento  (istigazione,ndOlo) all’odio“?…
Come riuscire nella quadratura del cerchio, ovvero come spacciare la libertà di “negazione” (che di per se NON è reato)  per un incitamento “alla violenza” (che è un reato) ?
Buttiamo sul piatto…
1) venire considerati complici dei  perfidi negazionisti “assassini della memoria“,…
2) essendo “La negazione dell’Olocausto…una forma di vero e proprio antisemitismo“…(b) non reprimendo adeguatamente la libertà di espressione del cittadino “negazionista“…. si rischia di conseguire la patente di “antisemita”…
Due stati civili non particolarmente apprezzati dalllo svezzato cittadino standard….
Spesso a corredo di atti pubblici c’è una serie di “circolari” (NON leggi) esplicative, più o meno sconosciute ai comuni cittadini, ma vincolanti per il dipendente pubblico, così come in ogni trattato tra stati c’è un qualche protocollo non reso pubblico,… anche in questa lunga gravidanza con travagliato mostruoso parto c’è qualche accordo segreto?
Non lo crediamo, ma la domanda vien da se!

Note
(a) Fonte: Gianantonio Valli, Holocaustica Religio. Psicosi ebraica, progetto mondialista, effepi, genova,2010, pag.127
(b) https://www.ushmm.org/wlc/it/article.php?ModuleId=10007272

___________________________________________________________

Avvertenza
Coloro che sono interessati a conoscere i vari passaggi della voglia di forca, concretizzata nella legge anti “negazionismo”, possono consultare il nostro archivio dedicato CLICCANDO QUI.

__________________________________Informazioni generali__________________________________
!newsletter, prospettiva,diversa,iscriviti_x sitoN.B.seguito di una  sentenza, a tutela di utenti/sito, dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti. In blue testi di Olodogma. Foto, titolo di testa, grassetto, links, colore, sottolineatura, normalmente, non sono parte del testo originale. Per  contattarci: olodogma@gmail.com. QUI  l’Archivio 1,  QUI  l’Archivio 2,QUI l’Archivio 3 di Olodogma. Olodogma è ripreso, in  pagine non ufficiali, su Twitter… e su Facebook. Per non perdere alcun aggiornamento del sito consigliamo l’iscrizione alla nostra “Newsletter”, è sufficiente inserire la propria mail qui sotto e confermare. L’iscrizione può essere auto-cancellata in ogni momento.[wysija_form id=”8″]
Pubblicato il 26.06. 2016, alle ore 20,50
Torna alla PAGINA INIZIALE

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva