«

»

Giu 23

1444 – La convertita, all’ebraismo, foa anna contraria alla legge ultima chance dei tagliagole sionisti

.
Premessa
Olodogma non ha matrimoni in corso e pubblica le fonti più disparate.
!olocausto è verità di stato,Dopo l’approvazione della legge ultima chance dei tagliagole sionisti contro la libertà di espressione proponiamo alcuni degli articoli politicamente corretti pubblicati sulla stampa standard; articoli fortemente critici sull’approvazione di tale mezzuccio-espediente che serve solo alle metastasi talebane dei sayanim dell’hasbara del sionismo realizzato ed ai suoi sciuscià-lustrascarpe, shabbat-goyim e shamashim.
Gli articoli non vengono commentati da parte nostra, questo, invece, dell’ebrea (convertita) foa anna è leggermente commentato. Apprezziamo l’articolo dal punto della persona normale, ci dissociamo assolutamente quando sconfina in giudizi di una povertà disarmante, tipico quando addossa ai “negazionisti” il voler essere vittime! Godere soffrendo! Non sappiamo a chi si riferisca e neppure ci interessa minimamente, evidentemente serve una “eletta” “spiegazione” psicoqualcosa, per evitare il dialogo, il…”dialogo!…e su questo termine, crediamo, la foa si ritroverà bombardata dai talebani sionisti!   Evidentemente c’è uno strabismo convertito. Non a caso in quel momento abbiamo inserito le nostre osservazioni.
Di seguito l’articolo…

___________________________________________________________________

Imm-1, FT. Legge negazionismo foa anna. Click...

Imm-1, FT. Legge negazionismo foa anna. Click…

Tra negazionismo e ignoranza. Serviva una legge?

Abbiamo bisogno di studiare e di trasmettere. È l’unica strada e non ce n’è un’altra. Si possono e si devono punire gli atti di razzismo ma le opinioni anche se assurde si combattono soltanto con la conoscenza.

di ANNA FOA (1)

Ma quando è che abbiamo cominciato ad avere bisogno di leggi e tribunali per difendere la memoria e la realtà storica, quando è che alla storia si è sostituita la minaccia della legge?

[Sono esattamente 10 anni che i manovali dell’hasbara operanti in Italia organizzano incontri ufficiali e riservati con organi ufficiali per promuovere una legge che inventasse il reato di negazionismo. Lo scopo dell’operazione da tardo medioevo era duplice, anzi, triplice:
1) Tenere sotto pressione il potere politico con l'”unicità”…l'”antisemitismo dilagante”…l'”offesa alla memoria”…
2) Chiudere la bocca a tutte le persone che pubblicamente partecipavano a discussioni sui vari forum o siti di informazione storica, si veda tra tutti il caso Stormfront, dove quotidianamente si pubblicavano informazioni revisioniste cui lo sterminazionismo “eletto” e goyish non riuscivano a rispondere, quindi a riaffermare la loro ” verità”.  Ulteriore conferma, a questo proposito, il caso del sito della comunità di Roma che ha dovuto chiudere i commenti ai vari posts.
3) Impedire la pubblicazione dei sempre nuovi studi revisionisti del maggior, non conformista, ricercatore storico, a livello mondiale. il purtroppo per “loro” italiano, Carlo Mattogno. Non a caso le prime due frasi ufficiali pronunciate, appena approvata la legge tagliagole, sono state:
a- …”negare la Shoah in Italia è reato“… (pacifici riccardo)
b- …”Da oggi…chi nega la Shoah sa che non potrà più esprimere i suoi deliri impunemente“… (dureghello ruth) (Vedere Imm-2)
L’evidenza ci pare questa…se tu, Carlo Mattogno, esprimi i tuoi “deliri” (scrivi libri di ricerca storica non conforme) lo fai non “impunemente“! …eppure alla Camera colui che ha presentato l’emendamento trasformato in legge,
Nico D’ascola, ha detto ben altro!…

<<la negazione deve essere sostanzialmente un mezzo attraverso il quale si strumentalizzano la Shoah e i crimini di guerra, di genocidio e contro l’umanità per incitare alla violenza. Questo è l’assetto della norma.
Quindi, se taluno si limita a negare, ma non funzionalmente, cioè strumentalizzando la negazione per incitare alla violenza fine a se stesso, il fatto non è di rilevanza penale>> (Fonte: Fonte: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=971866

Così l’estensore di quell’obbrobrio di testo!
…se ne sa più dell’Autore?
…o, come nei trattati tra Stati,…esiste…un protocollo (aggiuntivo) segreto? ]

Imm-3

Imm-2, FT. Soddisfazione per legge ultima chance tagliagole, dureghello, pacifici, gattegna. Click…

Molti sono gli argomenti che si possono opporre alle formulazioni di questa legge.
Il primo, e il più importante, è quello che si punisce un reato di opinione, in deroga ai principi fondamentali di ogni Stato democratico.
Si entra nel campo della libertà di opinione e di espressione, e quel che è peggio lo si fa per difendere la verità storica, non per limitarne o impedirne la conoscenza.
Lo si fa, potremmo dire, a fin di bene.
Ma è davvero questo il risultato?
Né la verità storica della Shoah e degli altri genocidi del Novecento, che la legge vorrebbe tutelare, né la loro memoria sono davvero garantiti da una norma di questo genere.
Si penserà che se sono necessari i tribunali, è perché non bastano le prove storiche. Nessuno si soffermerà a riflettere sul fatto che la Shoah, per parlare solo di quella, è l’evento storico più documentato della storia. (2)

[Sull’aspeto tecnico più importante del cosiddetto olocausto ebraico, le camere a gas omicide riportiano due ammissioni sterminazioniste inequivocaboli:
1- sereny gitta: …Auschwitz…“A terrible place — but it was not an extermination camp
che tradotta vale: Auschwitz…“un posto terribile, ma non era un campo di sterminio”(Vdere Imm-3)
2- van pelt robert jan: …“Del 99% di ciò che sappiamo non abbiamo effettivamente prove materiali a sostegno…..è diventato parte della nostra conoscenza ereditata“…(Vedere Imm-4)
Per le persone normali queste due fonti dovrebbero essere sufficienti.]

Immagine-2, FT.

Immagine-3, FT.sereny gitta, Click…

Imm-4, FT. 99% van pelt. Click...

Imm-4, FT. 99% van pelt. Click…

Che per negarla occorre negare radicalmente non quella documentazione, ma il valore di ogni documentazione, la possibilità di affidarsi a ogni tipo di documento, ai testimoni, alla memoriahstica, all’archeologia che va dissotterrando i resti delle camere a gas e dei forni crematori.

[La storica foa anna si riferisce a…”Caroline Sturdy Colls e le fantomatiche camere a gas di Treblinka“? Si veda la Titanic(a) fine di tali affannose, disperate, ricerche!
Per la sepoltura definitiva di tali arroganti pretese si veda: “La ricerca archeologica di C. Sturdy Colls a Treblinka“, da pag. 762 a pag.771 nello studio di Carlo Mattogno, Thomas Kues, Jürgen Graf: I “Campi di sterminio” dell'”Azione Reinardt“, analisi e confutazioni delle “prove” fittizie, delle imposture e deglu errori argomentativi dei bloggers di “Holocaust Controversies” e critica storica, tecnica ed archeologica della storiografia olocaustica sui campi di Bełżec, Sobibór, Treblinka e Chełmno, il testo è liberamente consultabile qui: http://olodogma.com/wordpress/wp-content/uploads/2013/11/CAMPI-REINHARDT_ms2.pdf ]

No, tutti penseranno che si è ricorsi ai tribunali perché non c’erano prove storiche.

[Qui è necessario il rimando alla demolizione sistematica  della bufala che il cosiddetto olocausto sia… “l’evento storico più documentato della storia“…, demolizione a cura del più autorevole ricercatore storico non conformista, l’italiano Carlo Mattogno; si veda qui:  Le nuove scempiaggini su “negazionismo”, “negazionisti” e Shoah di Anna Foa ] (2)

E, sull’onda del diffuso clima complottistico che affiora da ogni parte, si propenderà a sospettare un complotto degli “sterminazionisti“, per usare l’orrendo linguaggio dei negazionisti. Ancora peggio, nessuno si fermerà a riflettere sul fatto che la legge si riferisce in genere ai genocidi e alle violenze di guerra, e non solo alla Shoah. Fin dall’inizio della sua discussione, è stata definita come la legge contro il negazionismo, dando per implicito che stiamo parlando di Irving, Faurisson, e forse nel loro piccolo dei negazionisti italiani,

[Segnaliamo alla convertita foa un articolo di un suo collega storico sul “loro piccolo” dei negazionisti italiani… <<Frediano Sessi…” mi spiace dirlo, il negazionismo in Europa parla in italiano attraverso gli scritti di Carlo Mattogno >> e segnaliamo un secondo articolo, sempre di uno storico, ebreo, vercelli claudio…<< se la cosa è puramente astratta guardate  che i negazionisti rischiano di vincere la partita, vi posso garantire che se io, ma ancor…meglio di me un Mantelli (Brunello)…,che conosce millimetricamente ogni aspetto del sistema concentrazionario, ci confrontassimo con certi negazionisti come un Carlo Mattogno e voi foste un pubblico, come dire, non svezzato su certe cose, ne uscireste con l’impressione che forse un negazionista ha le sue ragioni>>… (Vedere qui) ]

e non di altro. Cioè, degli ebrei.

E il fatto che il mondo ebraico, vedendovi un presidio alla memoria della Shoah, l’abbia salutata con entusiasmo, non fa che accrescere questa percezione che si tratti di una legge fatta per gli ebrei.

Non credo che gli ebrei, dopo la Shoah, abbiano anche bisogno di passare alla storia come gli ispiratori di una legge contro la libertà di espressione.

[L’ebrea ,convertita, foa anna conosce questa dichiarazione?…
…<< Fra coloro che hanno più intensamente lavorato per raggiungere questo importante obiettivo si sono distinti, per costanza ed efficacia della loro azione:
Roberto De Vita,
Donatella Di Cesare,
Joseph Di Porto,
Valerio Di Porto,
Ruth Dureghello,
Victor Magiar,
Riccardo Pacifici
Giorgio Sacerdoti.
Nei loro confronti voglio esprimere la più profonda gratitudine di tutte le comunità ebraiche italiane e mia personale”.
Altri che si sono “generosamente impegnati”…Silvana Amati, Lucio Malan,  Emanuele Fiano, Walter Verini >>…
(Fonte: l’ebreo gattegna renzo, vedi: http://www.osservatorioantisemitismo.it/articoli/via-libera-definitivo-al-disegno-di-legge-che-introduce-il-reato-di-negazionismo/)
fare un “bilancio” è abbastanza semplice!]

L’antisemitismo crescerà e il negazionismo, pervaso dall’aureola del martirio, farà nuovi proseliti.

[Proprio non si riesce ad andar oltre pregiudizi, stereotipi e riflessi condizionati! Il martire è un essere inespressivo, castrato, inutile, in ambito operativo, chiaramente non in ambito biblico-superstizioso. Nessun revisionista serio ama diventare un martire!
Da persone NORMALI amano la propria famiglia, non amano vedere distrutta famiglia e tranquillità di relazione, ed il proprio quotidiano! Siamo convinti che solo dei malati di mente e di ideologia adorino il martirio.]

E ancora.
Chi deciderà se un libro, un articolo, un film possono o meno essere considerati “negazionisti”?

[Noi crediamo che siano gli autori il target di tale legge, non certo i testi! In tempi di Internet i testi non hanno confine, quindi sono gli uomini che scrivono o che diffondono i nuovi “untori”!]

i giudici istruttori?

Immagine-. Sentenza stormfront fosforo camere a gas. Click...

Immagine-5. Sentenza stormfront fosforo camere a gas. Click…

Mi sembra assai difficile, e in ogni caso non vedo come ne abbiano la competenza.

[Su tale competenza abbiamo agli atti un estratto della sentenza del processo “Stormfront” che testualmente recita…

…<< Come noto il fosforo bianco è una sostanza utilizzata per lo sterminio degli ebrei nelle camere a gas della Germania nazista: l’odio razziale si coglie nella sua massima portata >>… (sentenza del processo Stormfront, pag.30)(Vedere Imm-5)
Ora anche gli studenti che vengono deportati tramite i pericolosi viaggi (Vedere qui) della memoria sanno che il principio attivo che si pretende sia stato usato in quelle ideologiche camere a gas è l’Acido Cianidrico, e ciò lo sa qualunque minus habens che ha frequentato le scuole della repubblica, ma non lo sapeva chi ha SCRITTO QUELLA SENTENZA! Fantastico! I Timori della convertita foa sono ben motivati.]

Gli storici?
Ancora meno probabile, dovremmo postulare l’esistenza di storici di serie A, in grado di esercitare una sorta di censura sui prodotti della storiografia.

[Quali storici? Forse quelli che plaudono all’approvazione della legge tagliagole della libertà di espressione perchè…”c’è una parte politica che è decisa a cercare di far affermare a livello di opinione pubblica il massimo della negazione di quelli che sono stati i grandi crimini dei fascismi e dei movimenti totalitari di ogni tendenza“… scambiando…mele per pere, ovvero la ricerca storica con la politica! (Vedere qui) ]

Delle apposite commissioni ministeriali?
Ma in questo modo, si torna all’imposizione di verità di Stato, con gravi limiti non solo alla libertà della ricerca ma alla libertà tout court.
E in tutto questo, mentre ci affanniamo a separare il grano dal loglio, si continuerà a credere che l’insegnamento, la ricerca, il lavoro fatto con gli studenti sia importante?
O si delegherà ai tribunali ogni azione in questo campo?
In parte per paura di sbagliare e di scrivere cose non ortodosse, in parte semplicemente perché la storia dei genocidi e in particolare della Shoah si sarà trasferita dalle aule delle scuole a quelle dei tribunali?
Abbiamo bisogno di studiare e di trasmettere, di fare ricerca e di insegnare. E l’unica strada, non ce n’è un’altra. Puoi e devi punire la violenza, gli atti di razzismo e di antisemitismo, ma le opinioni, anche assurde e totalmente errate, si combattono con la conoscenza.

E la conoscenza ha bisogno della libertà per crescere, del dialogo per svilupparsi.

[L’affermazione non crediamo meriti contestazioni di sorta. Resta, però, da capire tra CHI  e CHI dovrebbe avvenire questo “dialogo”! Tra gli storici standard-sterminazionisti? Tra gli storici intenzionalisti? Tra gli storici funzionalisti? Tra gli storici intenzionalisti e funzionalisti? Un convegno sulla gestione dei cimiteri sarebbe più eccitante! …e con gli storici revisionisti? Niente, vero?
Vige ancora il primo comandamento del perfetto sterminazionista!….si parla DEI negazionisti, ma NON si parla COI negazionisti! I dolori del processo di Toronto del 1986 non accennano a passare e le cicatrici a prudere! ]

Non c’è un’altra strada, anche se questa è la più difficile e la più lunga…la legge sul negazionismo rischia davvero di diventare un boomerang e di alimentare ciò che vorrebbe invece cancellare.(3)

[Chiudiamo con una “sentenza” dell’ebrea nirenstein fiamma sulla convertita all’ebraismo foa anna…
nirenstein anna Un gruppetto di crociati tra cui spicca per arroganza Anna Foa-12.02.2013

 Quel “crociati” non abbisogna, crediamo, di  spiegazioni.]

Note
1) Su tale foa anna abbiamo in archivio il seguente post: Responsabilità della dirigenza ebraica romana nella deportazione del 16 ottobre 1943
2) Su questa pretesa, ed inesistente, abbondanza di prove sul cosiddetto olocausto ebraico si veda qui:  Carlo Mattogno su “La schizofrenia degli olocredenti e degli olocreduloni”
3) Fonte e copia: NB! Il testo è leggermente amputato. Il testo completo si trova qui: http://80.241.231.25/ucei/Viewer.aspx?Date=Today&ID=2016062233503803

___________________________________________________________

Avvertenza
Coloro che sono interessati a conoscere i vari passaggi della voglia di forca, concretizzata nella legge anti “negazionismo”, possono consultare il nostro archivio dedicato CLICCANDO QUI.

__________________________________Informazioni generali__________________________________
!newsletter, prospettiva,diversa,iscriviti_x sitoN.B.seguito di una  sentenza, a tutela di utenti/sito, dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti. In blue testi di Olodogma. Foto, titolo di testa, grassetto, links, colore, sottolineatura, normalmente, non sono parte del testo originale. Per  contattarci: olodogma@gmail.com. QUI  l’Archivio 1,  QUI  l’Archivio 2,QUI l’Archivio 3 di Olodogma. Olodogma è ripreso, in  pagine non ufficiali, su Twitter… e su Facebook. Per non perdere alcun aggiornamento del sito consigliamo l’iscrizione alla nostra “Newsletter”, è sufficiente inserire la propria mail qui sotto e confermare. L’iscrizione può essere auto-cancellata in ogni momento.[wysija_form id=”8″]
Pubblicato il 23.06. 2016, alle ore 10,43
Torna alla PAGINA INIZIALE

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva