«

»

Mag 11

1400 – Pierluigi Battista contrario alla legge tagliagole-ultima chance, contro il negazionismo, peccato quel vidal-naquet!

.
Nell’articolo di Pierluigi Battista che segue viene osannato l’ebreo vidal naquet pierre ed il “suo” “metodo” nel contrasto, mai visto, del revisionismo storico. Pia illusione!
!Themeroving-Omofobia olocau$to-sterminazionista!Stai in guardia.bisogna sempre camminare con il fondoschiena rasente ai muri quando si discute con un negazionistaIl ricercatore Carlo Mattogno ha invitato, ha sfidato,  più volte gli storici olocaustici a dimostrare…”tutta l’inconsistenza, la disonestà, la spudorata smania manipolatoria dei suoi libri“… e sono anni che aspetta pazientemente!
Il terror panico che assale il professionista olocau$tico “inquadrato nel mirino” del negazionista non deve meravigliare e ne è recente dimostrazione il consiglio dato dallo sterminazionismo “ultima spiaggia” ad uno sterminazionista alle prime armi e digiuno di tecnica di sopravvivenza alle bordate “negazioniste”! Ecco la mirabile sintesi…

Stai in guardia.bisogna sempre camminare con il fondoschiena rasente ai muri quando si discute con un negazionista

Tale ebreo vidal-naquet… è facente parte di quella accozzaglia in vergognosa fuga dal dibattito degli storici conformisti, standard, che pontificarono…

La vergognosa ritirata di 34 storici francesi di fronte al revisionismo vidal-naquet pierre ebreo le monde-1979

si parla dei ” negazionisti, ma “non si parla” con i negazionisti“…!  (P. Vidal-Naquet, Gli assassini della memoria, Roma, Editori Riuniti, 1993)

Non contento dell’invenzione del salva-culo per gli storici standard (nel 1979 !) si produsse, in cooperazione con altri 33 suoi simili, nella seguente perla, concentrato di scaltra “saggezza”,…

…”Non bisogna chiedersi come, tecnicamente, un tale massacro di massa è stato possibile. È stato tecnicamente possibile perché è avvenuto. Tale è il punto di partenza obbligato di ogni ricerca su questo argomento. Questa verità, ci spettava semplicemente di ricordarla: non c’è e non ci può essere alcun dibattito circa l’esistenza delle camere a gas … (pubblicato su  Le Monde, del 21.02.1979)

”Ce texte a été signé par les historiens dont les noms suivent et qui travaillent ou enseignent au Collège de France, au C.N.R.S., dans les universités de Paris et de province, à l’École des hautes études en sciences sociales, à l’École pratique des hautes études :

(gli autori e firmatari di tanta resa incondizionata furono)  Philippe Ariès, Alain Besançon, Robert Bonnaud, Fernand Braudel, Pierre Chaunu, Monique Clavel-Levêque, Marc Ferro, François Furet, Yvon Garlan, Jacques Julliard, Ernest Labrousse, Jacques Le Goff, Emmanuel Le Roy Ladurie, Pierre Levêque, Nicole Loraux, Robert Mandrou, Claude Mossé, Roland Mousnier, Jacques Néré, Claude Nicolet, Valentin Nikiprowetzky, Evelyne Patlagean, Michelle Perrot, Léon Poliakov, Madeleine Rebérioux, Maxime Rodinson, Jean Rougé, Lilly Scherr, Pierre Sorlin, Lucette Valensi, Jean-Pierre Vernant, Paul Veyne, Pierre Vidal-Naquet, Édouard Will”…

Sistemato l’ebreo vidal-naquet presentiamo l’articolo di Pierluigi Battista centrato e contrario all’approvazione definitiva della “legge anti- negazionismo”. Il testo è amputato delle parti che non ci interessano. Il testo originale e completo si trova al link indicato.

_________________________________________________________________________________________

Immagine-1, FT. Legge tagliagole-ultima chance. Click

Immagine-1, FT. Legge tagliagole-ultima chance. Click

 Perché è liberticida la legge sul negazionismo
Pierluigi Battista
9 Maggio 2016

Pur animate dalle migliori intenzioni, le leggi che fanno diventare reato il negazionismo sulla Shoah hanno una duplice valenza negativa: sono liberticide e sono pure inutili. Perciò speriamo che la Camera ribalti il recente voto del Senato (…) il grande storico Pierre Vidal-Naquet non si appellò ai tribunali ma smontò una dopo l’altra le fandonie costruite dagli «assassini della memoria» e ne dimostrò tutta l’inconsistenza, la disonestà, la spudorata smania manipolatoria (1) (…) si combatte l’offensiva antisemita, non con la polizia.
Leggi inutili. In Francia, dove da anni vige una legge anti-negazionista, il morbo antisemita non solo non è arretrato ma ha pericolosamente guadagnato posizioni, e gli ebrei francesi si sentono sempre più insicuri (…)
Leggi liberticide perché introducono un elemento di arbitrio affidato alla magistratura che dovrebbe stabilire cosa è perseguibile come reato e cosa no. Leggi liberticide, perché la censura è un mostro insaziabile (…) ingloba nell’universo del censurabile un numero sempre maggiore di opinioni bollate come reato, e che invece possono essere disgustose, ma non sono un reato. Leggi liberticide perché qualunque magistrato può considerarsi autorizzato a scorgere una notitia criminis in un libro, in un articolo, in un discorso (…) Leggi liberticide, perché affidano alla dimensione giudiziaria, a quella penale,

ciò che non sai combattere

con le armi di Vidal-Naquet. Leggi ipocrite, visto che si srotolano tappeti rossi a potenze economiche e geopolitiche come l’Iran in cui il negazionismo antisemita è diffusissimo e in cui ogni anno si celebra una mostra per la migliore vignetta negazionista sull’Olocausto. Speriamo che la Camera ci ripensi, e che la legge sul negazionismo sia bloccata. Con le migliori intenzioni, si possono partorire i peggiori risultati.(2)

__________________________________________________

Divertente il concetto “ciò che non sai combattere“!
perchè l’ebreo vidal naquet aveva “combattuto” i revisionisti?
Dove?
Si vedano le note 1) e 3) dove l’ebreo è analizzato da parte di due seri revisionisti, poi ci vorrà stomaco col pelo per ritirare fuori il nome dell’ebreo vidal-naquet!
Chissà a chi è indirizzata quella frase?
Forse ai pendolari, a carico del debito pubblico italiano, della tratta aerea Roma-Cracovia?
Forse agli storici standard?

Al sionismo più agitato ed isterico?
A chi non è stato capace di usare i metodi di vidal-naquet?
L’idea che i metodi di tale ebreo siano serviti a nulla, NO’, Vero?

Ricapitolando:
il Battista, in riferimento a tale legge tagliagole, usa i termini:

– liberticide
– inutili
– arbitrio
– censura  
– opinioni bollate come reato
– ipocrite
Decisamente troppo!!!…non a caso lo sterminazionismo sionista più intransigente, i “committenti”,  dissente!

Riportiamo…

…”della superficialità e, diciamolo pure, del dilettantismo che il signor Pierre Vidal-Naquet vi ostenta, …le sue metodologie capziose… che egli…insinua“…”tutte le conoscenze di Pierre Vidal-Naquet derivano dagli scritti e sono filtrate dai giudizi di altri autori, primo fra tutti Georges Wellers”…(Carlo Mattogno)
————–
…”l’attendibilità di Vidal-Naquet in materia di revisionismo è la stessa della Grande Enciclopedia Sovietica in materia di trotzkismo”…
…”Vidal-Naquet erige il suo castello di chiacchiere“…
“Vidal-Naquet non tenta “di porsi sul piano della critica obiettiva”, ma fa le viste di porvisi, con il fine di perpetuare la leggenda olocaustica lasciandone cautamente cadere quegli aspetti che rispondano al doppio requisito di risultare non strettamente essenziali alla leggenda stessa e di rientrare, d’altra parte, tra quelli di cui la critica revisionistica ha ormai scalzato la sostenibilità”… (Cesare Saletta) (3)

Note
1) Sulle affermazioni di Battista,  sull’ebreo vidal naquet pierre, si vedano i due seguenti posts:
a) Pierre Vidal-Naquet, l’inventore del “Negazionismo” (Carlo Mattogno, 2015),

b)Olocausto: dilettanti allo sbaraglio , Pierre Vidal-Naquet, GeorgesWellers, Deborah Lipstadt, Till Bastian, Florent Brayard et alii contro il revisionismo storico“
2) Fonte e copia da: http://www.osservatorioantisemitismo.it/articoli/leditorialista-del-corriere-pierluigi-battista-esprime-contrarieta-alla-nuova-legge-contro-il-negazionismo-recentemente-approvata-dal-senato/
3) Il documento nella sua interezza si trova in  Per il revisionismo storico contro Vidal-Naquet, a firma Cesare Saletta,  ed è composto di 4 parti:
– 1-Per il revisionismo storico contro Vidal-Naquet;
– 2-L’onestà polemica del signor Vidal-Naquet. A proposito dell’edizione italiana di un suo libro;
– 3-In margine d’una recensione;
– 4-Una messa a punto del signor Vidal-Naquet e un’ulteriore messa a punto su di lui

[wysija_form id=”8″]
Pubblicato il 11-05-2016, alle ore 11,35
Torna alla PAGINA INIZIALE