«

»

Mag 05

1393 – Camere a gas di Auschwitz “non ci sono prove materiali…solo indizi”, su Belzec, Sobibor e Treblinka?…neppure quelli!

.
Alcune settimane addietro lo sterminazionismo dialogante con il serio revisionismo ha testualmente affermato  che:

“La storia di Auschwitz è una storia esclusivamente indiziaria.
Non esiste nessuna prova materiale delle gasazioni”

Immagine-1. Falsa camera a gas di Auschwitz. Click...

Immagine-1. Falsa camera a gas di Auschwitz. Click…

Chiaramente questa affermazione non proviene da parte degli storici, “esperti” di cose di olocau$to, impiegati della memoria a libro paga della parassitaria industria dell’olocau$to della u$rael-lobby!
Per intendersi… quelli che volano in continuazione, a spese del debito pubblico italiano, sulla tratta Roma-Cracovia che spacciano per vera e provata “dalle testimonianze” la “camera a gas” di Auschwitz 1, costruita nel 1948 da sovietici e Polacchi e quelle dei crematori II e III di Auschwitz-Birkenau (quelle, per intenderci, con “finestra” di 1 metro quadrato la prima  e  di 1,5 metri quadrati la seconda) a migliaia di studenti. (1)
Costoro non ammetteranno mai che “esiste nessuna prova materiale delle gasazioni”, non foss’altro perchè non si sputa nel piatto dove si mangia e ci si ingrassa.
Stante l’affermazione dello sterminazionista dialogante se ne possono trarre conseguenze devastanti sia per lo stesso sia per il suo gruppo.

Immagine-2. Auschwitz, camere a gas con finestra. Click...

Immagine-2. Auschwitz, camere a gas con finestra. Click…

Esponiamo molto sommariamente il nocciolo della questione…

Se si afferma che sulle camere a gas di Auschwiitz “non ci sono prove materiali“, ma solo “indizi“, che rendono la loro esistenza solo verosimile… allargando il campo di interesse…

…per i campi dell’ “Azione Reinhardt” – Belzec, Sobibor e Treblinka –  non esistono né prove materiali né indizi che rendano anche solo “verosimile” l’esistenza delle locali presunte camere a gas!
…ma allora perché bisognerebbe crederci?

Qui tutto è demandato ai  sedicenti “testimoni oculari” che per Auschwitz sono anche più numerosi: ma se questi non possono dimostrare l’esistenza di camere a gas ad Auschwitz, perché quelli dovrebbero dimostrare l’esistenza di camere a gas a Belzec, Sobibor e Treblinka?

In altra parte lo stesso sterminazionismo dialogante, sempre sull’assenza di prove sulle “camere a gas”, afferma…

“Ma a prescindere dal motivo di tale assenza, in virtù di tale assenza, secondo il vostro ragionamento (dei revisionisti, ndolo) dovremo rigettare il fatto come falso fino a prova contraria”

Non è esattamente così!
Semplicemente NON è provato che le camere a gas siano state, non solo, usate, ma, neppure ideate, progettate e realizzate!
E’ ben altra cosa!(2)
Si veda qui l’analisi: Attendibilita’ dei testimoni delle cremazioni ad Auschwitz  Dragon, Tauber, Flamenbaum, Nyszli, Bendel,Paisikovic, Rosenblum, Muller, del miglior ricercatore storico attuale, Carlo Mattogno su alcune “testimonianze” standard, di punta, del campo di Auschwitz, il risultato dell’analisi è terrificante (per lo sterminazionismo)!
L’attendibilità è completamente assente.

Note
1) Sulle camere a gas con finestre (di Auschwitz) si veda il nostro post: “Ad Auschwitz camere a gas molto…arieggiate, con finestre!
2) La fonte delle dichiarazioni è omessa.

[wysija_form id=”8″]
Pubblicato il 05-05-2016, alle ore 10.11
Torna alla PAGINA INIZIALE