«

»

Mar 16

1351 – Tedesco18enne dannato a 8 mesi di galera e 15.000 euro di multa…non crede all’olocau$to ebraico!

.
Questo è ciò che si pretende di imporre anche in Italia!

Ennesimo esempio di repressione della libertà di espressione sul preteso olocau$to ebraico in Germania! Gli shammashim ( i servi del sabato ) tedeschi superano ogni giorno se stessi.  Questa la notizia: un ragazzo dubita dell”Olocausto” e non crede ai racconti violenti, raccapriccianti, truculenti, splatter, dei sedicenti “testimoni oculari” quindi vada in galera e PAGHI 15000 euro di multa! Così parlò la Olosanta Inquisizione $hoatica…

!angela merkel israele ragione di stato sicurezza si padrone modalitaet organisationsform<< Un giovane Tedesco di 18 anni, Morten E., ancora studente in un liceo di Potsdam, e’ stato condannato dal Tribunale di Tecklemburg (Renania-del-Nord-Westfalia): dubita dell”Olocausto, predica il nazionalsocialismo, a scuola contesta la credibilita’ dei racconti dei “testimoni oculari”,

ritiene che Hitler non affermasse affatto “che la razza ariana fosse superiore alle altre ma voleva che fosse accettata dalle altre”, distribuisce volantini per strada, manca dalla scuola, che aveva gia’ cercato di correggere i suoi “propositi di estrema destra”, scuola che si rammarica del fatto che “le visite ai campi di concentramento (1) o quelle al luogo della Conferenza di Wannsee non siano riuscite a distrarlo dalla sua ideologia“, ha come modelli i “negatori dell’Olocausto” Horst Mahler, Bernard Schaub e Ursula Haverbeck

Insomma, e’ tutto sbagliato. Morten E. e’ condannato a una pena di otto mesi di prigione, con la condizionale per tre anni, e dovra’ pagare una multa di 15000 euro.>>(2) (3)

Note
1) La pratica di ordinanza della deportazione degli studenti negli ex-campi di concentramento è una follia per la salute mentale degli studenti messa in evidenza da ricercatori ebraici del ghetto di Palestina, vedere qui.
2) Fonte http://www.pnn.de/potsdam/1059430/. La parziale traduzione è a cura di Olodogma.
3) Sulla forsennata repressione della libertà di espressione attuata in Germania si veda qui il nostro post.
[wysija_form id=”8″]
Pubblicato il 16.03. 2016, alle ore 21,08
Torna alla PAGINA INIZIALE