«

»

Gen 30

0933 – Secondo l’ebreo lanzmann claude la “baldracca ebrea” arendt hannah… non ha capito nulla!

.

Hannah_Arendt_Martin_Heidegger

Click…

L’ebrea hannah arendt non è amata dalla holocau$t-israel-lobby.

Perchè?

Sicuramente per due suoi peccati capitali: 

il primo per essere stata, lei ebrea, amante e protettrice del “nazista”  Martin Heidegger;

il secondo per aver divulgato al mondo intero il terribile segreto (di Pulcinella) gelosamente conservato… la collaborazione attiva tra ebrei sionisti tedeschi e Terzo Reich! Collaborazione pratica col governo della Germania, fino dal “giorno dopo” la vittoria nelle elezioni che porto Adolf Hitler a capo del governo tedesco il 30 gennaio 1933! Questi  peccati mortali non le sono mai stati perdonati! …ed è ben comprensibile, secondo il propagandistico standard-vittimistico, il secondo motivo !

arendt-hannah-La-banalità del male. Eichmann a Gerusalemme, la fonte

arendt-hannah-La-banalità del male. Eichmann a Gerusalemme.Click…

Sul primo peccato, la relazione sentimentale tra i due riteniamo corretto lasciare ai due ogni considerazione, è cosa loro e solo loro.

Quanto al secondo peccato mortale, che poi è l’unico, essendo il primo solo un contorno “aggravante” del secondo, valido solo per coloro che sono letteralmente terrorizzati dai matrimoni misti, con possibile assimilazione, evidenziamo che nel 1963 l’ ebrea arendt hannah scrisse nel suo libro-scandalo “La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme”

[…] << A prescindere dalle considerazioni d’ordine giuridico, fu una cosa buona che al banco dei testimoni si presentassero gli ex-combattenti della resistenza ebraica. Ciò valse a dissipare lo spettro della collaborazione generale. La soluzione finale si era svolta in un’atmosfera soffocante e avvelenata, e vari testimoni dell’accusa avevano confermato, lealmente e crudamente, il fatto già ben noto che nei campi molti lavori materiali connessi allo sterminio erano affidati a speciali reparti ebraici; avevano narrato come questi lavorassero nelle camere a gas e nei crematori, estraessero i denti d’oro e tagliassero i capelli ai cadaveri, scavassero le fosse e più tardi riesumassero le salme per far sparire ogni traccia; avevano narrato come tecnici ebrei avessero costruito camere a gas a Theresienstadt e come qui l’”autonomia” ebraica fosse arrivata al punto che perfino il boia era un ebreo.

Il problema morale era riposto nella gran dose di verità inclusa in ciò che Eichmann aveva raccontato sulla collaborazione delle autorità ebraiche, anche quando la soluzione finale era già in corso>>… (1)

Altro esempio di "considerazione-giudizio" sionista sulla arendt! Click...

Altro esempio di “considerazione-giudizio” sionista sulla arendt! Click…

Ciò non passerà mai “agli atti”! La frattura nel mondo sionista era stata prodotta: TUTTO il mondo aveva appreso da una bocca ebraica…del segreto di Pulcinella, la dodecennale collaborazione degli ebrei sionisti tedeschi col “male assoluto”!  Nel 2015 si trovano spesso considerazioni sioniste contro la arendt (si arriva fino a definirla “baldracca ebrea“, con il fine dire di “barbara“) come quella che sotto riproduciamo da La Stampa del 24.01.2015

____________________

Hannah Arendt non ha capito nulla: Claude Lanzmann a ruota libera

<< La versione di Murmelstein prevede tra l’altro una critica aspra all’espressione di Arendt «la banalità del male». Qual è la sua opinione al proposito?

«Aveva ragione Murmelstein, perché Eichmann non era affatto banale, era un demonio. Hannah Arendt ha scritto tante belle cose, ma tra quelle non c’è il libro sul processo Eichmann, dove scrisse un mucchio di stupidaggini, del resto l’intero processo fu una buffonata».
C’è qualcosa che oggi chiederebbea Murmelstein e che allora non gli chiese?

«Certo che no, perché dovrei?»
Lei come spiega che gli israeliani volessero impiccare Murmelstein e che il rabbino capo di Roma Elio Toaff si rifiuto di dargli sepoltura al cimitero ebraico? Tutti stupidi?

«Idioti, idioti e ancora idioti… Quel rabbino di Roma, poi, che infamia, potessi lo ucciderei…». >> (2) (3)

Altre perle dell’ebreo lanzmann:

«Più che della “banalità del male” si dovrebbe parlare della banalità delle conclusioni della signora Arendt. Il processo ad Eichmann fu fatto da ignoranti, voluto da Ben Gurion per giustificare la fondazione dello Stato di Israele. Hannah Arendt, che aveva seguito tutto da lontano, racconta un sacco di assurdità» (4)

“La Banalità del male di Hannah Arendt? Una delle più colossali idiozie concepite” (5)

 Note

1) Sulla collaborazione degli ebrei sionisti tedeschi col governo del Terzo Reich si vedano i  seguenti links:
a – http://olodogma.com/wordpress/2013/08/11/0338-hanna-arendt-e-la-collaborazione-iii-reich-ebrei-il-campo-di-concentramento-di-theresienstadt-nelle-immagini-ufficiali/ .
b – http://olodogma.com/wordpress/2012/11/26/0071-arendt-hannah-e-la-collaborazione-ebraica-con-l-ss-obersturmbannfuhrer-adolf-eichmann/

2) Fonte http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=6&sez=120&id=56940 . Fonte originale http://www.lastampa.it/2015/01/24/cultura/tuttolibri/shoah-in-un-libro-lanzman-svela-laltra-faccia-del-rabbino-capo-di-vienna-murmelstein-TZE1K37enUKhU9XA2XLkWP/pagina.html)

3) Chi è l’ebreo lanzmann , secondo il prof Faurisson…

<< Lanzmann ha filmato, fino alla nausea, binari ferroviari, pietre o paesaggi; egli accompagna queste immagini lancinanti con un commento pesantemente lirico e giochi di camera destinati a “evocare” deportazioni e gasazioni. Lui stesso nel suo pathos dice:
A forza di filmare queste pietre a Treblinka, da tutte le angolature, esse hanno finito per parlare (IV)”.
Afferma, senza prove, che i nazisti hanno cancellato le tracce del loro gigantesco crimine. Dichiara: “Bisognava fare questo film con niente, senza documenti d’archivio, inventare tutto” (V).
O ancora: “Si trattava quindi di fare un film con tracce di tracce delle tracce […]. Con il niente si torna al niente” (VI).
E pertanto i suoi turiferari l’ammirano ancora di più. “Non una sola immagine d’archivio” esclama J.-F. Held. (VII)
Questo film è una fantastica reiterazione continua” (VIII).
Per André Glucksmann, “la forza di questo film è di mostrare non ciò che è successo – se ne guarda bene – ma la possibilità di ciò che è successo” (IX). >>

 IV ) Libération, 25 aprile 1985, pag. 22.
V ) Le Matin de Paris, 29 aprile 1985, pag. 12.
VI ) L’Express, 10 maggio 1985, pag. 40.
VII ) L’Evénement de Jeudi, 2 maggio 1985, pag. 80.
VIII ) L’Autre Journal, maggio 1985, pag. 48.
IX ) A. Glucksmann, Le Droit de Vivre, febbraio-marzo 1986, pag. 21.

Ulteriore precisazione del prof. Faurisson del 16 settembre 2004

<< Ho già dimostrato come Claude Lanzmann, nel suo film Shoah, aveva cercato di farci credere alle camere a gas di Auschwitz e Treblinka. Egli aveva utilizzato in particolare pretesi testimoni oculari polacchi o tedeschi i cui racconti erano in realtà vaghi, confusi, contraddittori e ricchi di impossibilità materiali.

Nel 1985, in un’intervista, Claude Lanzmann aveva già detto a proposito dei “testimoni tedeschi”: “I soldi hanno persuaso gli esitanti (reportage di Annette Lévy-Willard e Laurent Joffrin nel quotidiano Libération del 25 aprile 1985 a pag. 22).

Ieri, recidivamente, ha dichiarato: “E poi io ho pagato. Una somma non indifferente. I Tedeschi li ho pagati tutti” (Virginie Malingre, “Claude Lanzmann explique Shoah à des élèves avant sa distribution dans les lycées”, Le Monde, 16 settembre 2004, pag. 12).>>

4) Fonte http://www.giuntina.it/ElencoRecensioni/Eichmann_o_la_banalit_del_male_571/Eichmann_o_la_banalit_del_male_801.html

5) Fonte http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/27/giorno-della-memoria-il-regista-lanzmann-ho-profondamente-detestato-la-vita-e-bella/858456/

________________________Pubblicato il 30 Gennaio 2015, alle ore 15,15

Avvertenza
!newsletter, prospettiva,diversa,iscriviti_x sitoseguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. In blue testi di Olodogma. Foto, titolo di testa, grassetto, links, colore, sottolineatura, non sono parte del testo originale. Per  contattarci: olodogma@gmail.com
QUI  l’Archivio 1 ,  QUI  l’Archivio 2, QUI l’Archivio 3 di Olodogma.
Per non perdere alcun aggiornamento del sito consigliamo l’iscrizione alla nostra “Newsletter”. L’iscrizione può essere auto-cancellata in ogni momento.
[wysija_form id=”8″]
Olodogma su Twitter … su Facebook
Torna alla PAGINA INIZIALE