«

»

Ott 01

0833 – Il revisionismo storico nelle conferenze e convegni revisionisti tenuti in Italia

.

L’accusa di  antisemitismo

Click...

Lo sterminazionismo, persa la battaglia sui documenti e prove materiali dell’esistenza delle camere a gas omicide, si rifugia nelle fumose ed ideologiche definizioni tanto care agli spacciatori  di sogni e strumentalizzatori di vecchi arnesi sopravvissuti; tipico l’uso/abuso dell’idiota e scorretta  (levi primo dixit!)  accusa di antisemitismo, oggi identificato nell’antisionismo dilagante, specialmente dopo i 478 infanticidi semiti di Palestina nel luglio agosto 2014.

Click...

Click…

Il revisionismo storico serio non può essere antisemita

La notizia della Conferenza revisionista di Cantù (la cronaca della conferenza di Cantù è QUI), da noi, impropriamente, definita “prima conferenza pubblica” ha fatto agitare taluni che hanno puntualizzato che non è stata la “prima” conferenza revisionista tenuta in Italia. Precisiamo che Olodogma ha avuto nessun ruolo attivo nella conferenza, nè prima, nè durante, nè dopo, tranne fornire l’annuncio dell’evento e farne poi una cronaca, quindi nulla da vantare come “nostro”. Nessun interesse diretto o indiretto. Prendiamo atto che altri  eventi revisionisti sono avvenuti prima di Cantù e cogliamo l’occasione per segnalare gli eventi revisionisti, pubblici e privati, di cui abbiamo notizia. Saremo grati a chi ci fornirà, se esistono, ulteriori informazioni su eventi del genere avvenuti in Italia e non elencati in questo post. Prima di procedere all’elencazione vogliamo precisare che “Cantùrimane, la “prima” conferenza dopo almeno due enormi “tragedie” sfiorate (di cui non intendiamo discutere). Questo era ed è il senso di quel “prima”.

Convegni e conferenze

1)       AOSTA – Una conferenza revisionista  “privata” si tenne il 21 settembre 1998, relatore  il Prof. Robert Faurisson, tra i presenti il revisionista svizzero Gaston-Armand Amaudruz e René-Louis Berclaz, organizzatore dell’incontro. Sotto diamo la cronaca della conferenza. (http://www.vho.org/aaargh/ital/attua/rs0412.pdf)

2)     MILANO Il 24 giugno 2000 si è tenuto un convegno organizzato dal Comitatodi Solidarietà pro Detenuti Politici sul tema Giustizia di Palazzoe Democrazia totalitaria. Il docente e revisionista svizzero Jürgen Graf ha trattato il tema “La teranniad emocratica:L’esempio della Svizzera. Gli interessati troveranno il testo dell’intervento al link http://www.morula.net/SICULUS/GRAFtirandemo.pdf

3)       TRIESTE – Una conferenza revisionista pubblica organizzata dal gruppo « Fascismo e Libertà » si tenne il 27 maggio 2001, con i docenti francesi Guillaume Fabien e Vincent Reynouard (corso magistrale sull’argomento dato da quest’ultimo): https://it.groups.yahoo.com/neo/groups/fiamma/conversations/messages/6026

4)       TRIESTE Un nuovo convegno revisionista venne tenuto il 6 ottobre 2001 a Trieste dal gruppo « Nuovo Ordine Europeo ». Tra i relatori il docente francese Jean-Louis Berger (cacciato dal lavoro per il suo revisionismo), l’ingegnere chimico francese Vincent Reynouard (cacciato dal lavoro per il suo revisionismo), l’americano docente Russ Granata, il marocchino residente in Svezia Ahmed Rami, il prof. americano Robert Countess, il docente svizzero Jürgen Graf, l’australiano dott. Fredrick Töben (venuto espresso d’Australia). Di questo convegno riportiamo, sotto, l’articolo da “Trieste Oggi” del 9 ottobre 2001.

5)      TRIESTE – Un nuovo convegno revisionista organizzato dal « Nuovo Ordine Europeo » si tennenei giorni 25 e 26 maggio 2002. Il convegno revisionista aveva per tema il  preteso olocau$to ebraico in genere e sulla Risiera di San Sabba (Trieste), « unico campo di sterminio in Italia », in particolare. Su tale convegno un giornale locale (Trieste Oggi) dedicò l’intera ultima pagina del 28 maggio. Articolo oggettivo se non addirittura favorevole.

6)       AOSTA – Una conferenza revisionista venne organizzata da “Verità e giustizia” il 21 settembre 2002 ad Aosta, con la partecipazione del Prof. Faurisson in presenza di un una cinquantina di persone, tra cui  Georges Theil. (La notizia è di  fonte “privata”)

7)      VERONA –  Una conferenza revisionista venne organizzata dal gruppo « Nuovo Ordine Europeo » per Verona nell’ottobre del 2002, ma la israel-lobby ed il centro wiesenthal simon avevano mobilitato i loro burattini italiani con 20 mila fax ed e-mail mandati dall’America. Intervenne fini gianfranco che fece pressioni sul ministero degli interni. Addirittura vennero chiesti agli organizzatori 5000 euro per la stipula di una polizza assicurativa per il locale (un edificio pubblico). Poi un albergo della stessa città che aveva accettato di ospitare la conferenza annullò abusivamente il contratto di noleggio della sala. La conferenza si svolse, invece, il 14 dicembre 2002 a PORDENONE (anche qui molto contrastata) con la partecipazione del docente tedesco Udo Walendy, Fredrick Töben, Vincent Reynouard e l’avv. Edoardo Longo. L’iraniano dott. Ahmad Soroush Nejad (Neda Institute, Teheran) non riuscì ad avere il visto per parteciparvi; difatti ne ottenne uno ma valido solo a partire del giorno dopo la conferenza. La stampa ignorò la notizia dell’avvenuta conferenza.

8)       TERAMO – Una conferenza revisionista venne tentata a Teramo dal Prof. Moffa che aveva invitato il Prof. Faurisson a tenere una lezione all’Università di Teramo:Stabilita per il giorno 18 Maggio 2007, nella Facoltà di Scienze Politiche, la lezione non si tenne perchè impedita dal Rettore e dalle violenze fisiche di agenti sionisti.

9)       COMO – Conferenza revisionista privata, a Como il 27 gennaio 2012: Forza nuova e l’Associazione Culturale Quattrocentodieci organizzarono nella sede di Forza Nuova, in via Napoleona 1, una conferenza cui seguì la proiezione del documentario “Wissen macht frei”  (La conoscenza rende liberi) in cui viene analizzata la fabulazione olocau$tica standard o Olocau$to o $hoah, definito “pesce d’aprile”. Una copia del video venne consegnata alla Polizia. Dopo anni non risulta che la polizia abbia avuto da ridire sul contenuto del video.

10)       CANTU‘ – Una conferenza di presentazione del Revisionismo Storico e del problema “legge Mancino” si è tenuta a Cantù il 13 Settembre 2014, con relazioni del revisionista Dott. Gianantonio Valli (Al link si trovano gli studi del dott. Valli pubblicati da questo sito e la cronaca degli attacchi velenosi al dott. Valli, un totale di 70 posts: http://olodogma.com/wordpress/category/articoli-di-gianantonio-valli/), dei relatori tecnici avvocato Alberto Costanzo e avvocato Gianni Correggiari, del divulgatore revisionista più famoso d’Italia (oltre 450 giorni di segregazione nel suo medagliere)  dr. Mirko Viola (Al link si trova tutta la storia, e allegati, della vicenda del Dr. Mirko Viola, 25 posts, http://olodogma.com/wordpress/category/mirko-viola-stormfront/)

________________________Allegati__________________________

 

1) L’oscurantista repressione sionista della Conferenza di Verona del 2002

Risultato del complotto.Click...

Risultato del complotto.Click…

Documento sul complotto anti conferenza.Click...

Documento 1 sul complotto anti conferenza.Click…

Documento sul complotto: Click...

Documento 2 sul complotto anti conferenza. Click...

 

 

 

 

 

 

___________________________

2) Conferenza del Prof. Robert Faurisson ad Aosta, 1998

Aosta, conferenza prof. Faurisson, click...

Aosta, conferenza prof. Faurisson, click…

 

 

 

 

 

 

 

 

____________________________

3)  Video della conferenza di Trieste, relatore Jurgen Graf. (Data non nota)

Video 1

Video 2)

Video 3)

_____________

4)  Articolo da “Trieste Oggi” del 9 ottobre 2001, p. 3.

UN CONVEGNO REVISIONISTA HA SOLLEVATO A TRIESTE NUMEROSI
INTERROGATIVI SULL’11 SETTEMBRE E SULL’OLOCAUSTO

“I servizi segreti americani e israeliani sapevano degli attentati?“

Paolo Radivo

Si è tenuto sabato e domenica, nella sala congressi della Fiera, un convegno, organizzato dall’Associazione culturale Nuovo Ordine Nazionale, sul tema ”Revisionismo e dignità dei Popoli vinti” , a cui hanno partecipato relatori di diverse nazionalità.

La due giorni, voluta da Angelo Cauter, è stata introdotta da Jean-Louis Berger, un professore di scuola superiore in Francia condannato ed allontanato dalla professione per aver detto ai suoi allievi che quello di Nordhausen in Germania era un campo di concentramento e non di sterminio e che li i morti furono causati dai bombardamenti americani. «E questo – ha chiarito –non lo dico io, ma lo dicono altri storici non imputabili di antisemitismo».

Berger aveva inoltre spiegato che quello ebraico era solo uno dei problemi sentiti in Germania dopo la Prima Guerra Mondiale.

Documento URSS 008.Click per ingrandire

La “prova” dello “sterminio ebraico” di 4.000.000 accettata a Norimberga, documento USSR-008, un falso clamoroso! Click per ingrandire

Secondo il professore, il suo caso è stato montato e strumentalizzato per ragioni politiche grazie a una legge sulla “libertà di stampa” che impedisce di divulgare notizie contrarie a quanto stabilito oltre 50 anni fa dal tribunale di Norimberga.

«Ma il lager di Nordhausen – ha sottolineato lo storico – non venne mai citato a Norimberga come campo di sterminio. Inoltre le mie dichiarazioni non sono state fatte in un luogo pubblico o a mezzo stampa e il processo si è tenuto al di fuori dei termini di legge. Mi sono poi state attribuite frasi che non ho pronunciato (avrei perfino detto che Hitler non è mai esistito!); l’avvocato di parte civile ha sostenuto che volevo sterminare tutti gli ebrei, e un giornale mi ha addirittura accusato di pedofilia. Tra l’altro, all’epoca dei fatti non militavo più nel Fronte Nazionale».

«Questa – ha denunciato – è una nuova caccia alle streghe, un processo alle intenzioni che avviene in un Paese, come la Francia, che si proclama patria della libertà e che invece perseguita chi osa pensarla diversamente».

Vincent Reynouard

Vincent Reynouard

Lo storico francese Vincent Reynouard ha sottolineato le responsabilità francesi e britanniche nel riarmo della Germania e nello scoppio della seconda guerra mondiale. «Hitler – ha spiegato – non ha preso il potere, ma è diventato cancelliere in seguito a libere elezioni. Che poi si sia fatto dare i pieni poteri, è vero, ma questo era stato fatto anche dal socialdemocratico Ebert nel 1923 sulla base di quanto prevedeva la Costituzione di Weimar. Quanto all’assassinio del cancelliere austriaco Dollfass i, e anche vero che lo stesso Dollfuss aveva usato metodi violenti contro i nazisti».

.

L’americano Russ Granata ha giudicato impossibile che i servizi segreti israeliani e americani non fossero al corrente dell’attentato che l’11 1 settembre

Russ Granata, Carlo Mattogno.Click...

Russ Granata, Carlo Mattogno.Click…

avrebbe dovuto essere compiuto contro le Torri gemelle e il Pentagono. «In quei 18 minuti – ha detto – si sarebbe potuto colpire gli aerei evitando gli schianti». A suo giudizio, inoltre il clima suscitato da questi attacchi ha giovato solo ad Israele, mentre ha danneggiato la causa palestinese». Russ Granata ha anche ipotizzato che i due grattacieli siano stati fatti collassare con delle microcariche esplosive poste in alcuni punti nevralgici. «Se gli Stati Uniti – ha detto lo studioso – non fossero amici di Israele, quelle vittime innocenti non ci sarebbero state. Israele vuole la guerra totale e purtroppo ha l’appoggio del mio Paese, che invece dovrebbe tornare al non interventismo dei padri fondatori, primo fra tutti Washington».

.

Click...

Click…

Secondo il marocchino residente in Svezia Ahmed Rami, gli ebrei pretendono il dominio economico e culturale sul mondo intero. «Se il problema – ha detto -fosse solo la Palestina, si potrebbe trattare sacrificando qualcosa, ma non è cosi». Rami ha anche invitato gli immigrati musulmani in Occidente a tornare a casa. «L’ospitalità – ha sottolineato – non si impone e non si scaricano sugli altri i propri disoccupati: ognuno deve risolvere i propri problemi economici da sé». Rami ha accusato il «potere giudaico» di «terrorismo intellettuale» ad ampio raggio tramite la scuola e i mezzi, di comunicazione di massa con lo scopo di diffondere delle menzogne utili alla causa sionista. «Loro ha affermato – si credono il popolo eletto da Dio che ha diritto alla Terra promessa e quindi si sente giustificato a invadere la Palestina e a sterminare la popolazione indigena. Loro credono di essere i soli uomini, mentre gli altri sarebbero animali. Le loro ricorrenze religiose sono tutte legate a degli stermini. Gesù ha annullato il Vecchio Testamento. ma loro vogliono giudaizzare il cristianesimo». «Il loro potere – ha concluso – si fonda su un bluff, che insieme possiamo sgonfiare».

Robert Countess,2004

Robert Countess,2004

Il docente americano Robert Countess, in un intervento letto da Guillaume Fabien, ha negato l’esistenza di prove certe riguardanti le camere a gas naziste e ha chiesto ai colleghi storici di essere più rigorosi nelle ricerche in proposito. «Con ilpretesto della Shoah non si può – ha detto -compiere il genocidio del popolo palestinese ed espandere il proprio territorio. Tuttavia ogni terrorismo è sbagliato, compreso quello palestinese».

Lo svizzero Jürgen Graf, senza negare la persecuzione compiuta a danno degli ebrei, ha ridimensionato il numero delle vittime: 300mila circa e non 6 milioni. Le cause sarebbero state le epidemie diffuse nei campi di concentramento di lavoro, la denutrizione e i maltrattamenti subiti. A suo giudizio, tuttavia, non esisterebbero prove materiali certe, né documenti attendibili, né testimonianze provate dell’esistenza di camere di gasazione utilizzate a scopo omicida. Le stesse testimonianze sarebbero contraddittorie e si smentirebbero fra di loro. «Dal 1941 -ha dichiarato Graf – le organizzazioni ebraiche e il movimento di resistenza polacco cominciarono a diffondere notizie propagandistiche in merito all’esistenza di “camere a vapore” e di stanze relativamente piccole in cui sarebbero state stipate migliaia di persone, con pavimenti abbassabili fino a far entrare i prigionieri con le gambe in acqua. A quel punto sarebbe stata data una scossa elettrica che li avrebbe fulminati tutti in un solo colpo. Poi però di questi sistemi non si parlò più e si citarono solo le camere a gas». Secondo Graf, si trattava di menzogne tipiche di guerra. «Così – ha detto – era stato fatto credere che gli iracheni avessero ammazzato i bambini nelle incubatrici e i serbi avessero compiuto in Kossovo stragi mai esistite.Una volta terminate le guerre in Iraq e in Kossovo, quelle menzogne sono venute alla luce; invece le menzogne legate all’Olocausto persistono tuttora. E poi non si parla mai dei 15 milioni di esuli tedeschi dalla Prussia, dalla Slesia e dalla Panorama, 2 milioni dei quali persero la vita, ndelle follie istriane. Il mito della Shoah serve ad instillare e soprattutto nel popolo tedesco il senso di colpa, e qualsiasi critica all’ebraismo viene spacciata per antisemitismo».

Frederick Toben alla conferenza di Teheran, 2006. Click...

Frederick Toben alla conferenza di Teheran, 2006. Click…

E’ infine intervenuto l’australiano Frederick Toben che ha scontato un anno di carcere in Germania per aver distribuito alcuni suoi scritti sull’Olocausto. «Bin Laden – ha detto -è una creatura della Cia e l’11 settembre è il risultato della politica estera americana».

L’avvocato bolognese Marcantonio Bezicheri, membro del Comitato centrale del Movimento Sociale-Fiamma Tricolore e più volte candidato a Trieste, ha inviato un messaggio di saluto al convegno, complimentandosi con i coraggiosi storici presenti e annunciando la volontà di aderire a Nuovo Ordine Nazionale. (Fonte del 14-05-02, 22:00 postata da Harm Wulf , https://forum.termometropolitico.it/219303-conferenza-revisionista-trieste.html)

___________________

5)   Articolo di Trieste oggi del 28 maggio 2002

Trieste oggi, 28 maggio 2002. Click...

Trieste oggi, 28 maggio 2002. Click…

 

 

 

 

 

 

____________________

6) Conferenza del prof.  Robert Faurisson ad Aosta , 21 settembre 1998

CONFERENZA DI ROBERT FAURISSON AD AOSTA

Aosta, conferenza prof. Faurisson, click...

Aosta, conferenza prof. Faurisson, click…

Nel pomeriggio del 21 settembre 1998 il Prof. Robert Faurisson ha tenuto ad Aosta, in sede privata, una conferenza, avente per oggetto il revisionismo, che è stata seguita da una quarantina di intervenuti, provenienti da Italia, Francia e Svizzera.
Il Professore, con il suo solito eloquio scorrevole e scattante ha tenuto avvinto l’uditorio per circa un’ora e mezzo.
Particolarmente interessante il racconto del suo esordio nel campo della revisione storica: alla fine degli anni sessanta si era recato a Parigi al “Centre de documentation juive contemporaine [CDJC]” (Centro di documentazione ebraica contemporanea), certo di trovarvi un’abbondante documentazione per le sue ricerche. Invece rimase oltremodo deluso: la sua richiesta, peraltro semplicissima, di vedere anche una sola fotografia di una delle camere a gas del campo di Auschwitz (ed evidentemente non di quella costruita ex-novo, dopo la guerra), non ha potuto essere esaudita e vanamente i responsabili del Museo hanno proposto in cambio documentazioni e testimonianze scritte, che possono ovviamente essere ottenute con facilità ed in abbondanza e che sono praticamenteincontrollabili.
E questa prima, fondamentale lacuna ha innescato tutta una serie di ricerche (chimiche, fisiche, geoelettriche) che hanno confermato l’impossibilità di esistenza delle pretese camere a gas ed in subordine anche della leggendarie fosse gigantesche destinate a seppellire le centinaia di migliaia di cadaveri “gassati”..
Vogliamo qui ricordare che, secondo una notizia del 5 settembre scorso, la Corte di Cassazione francese ha respinto il ricorso presentato da Stephane Khémis, direttore della rivista L’Histoire, contro la condanna ad un’ammenda ed al pagamento di danni ed interessi al Prof. Faurisson, per rifiuto del diritto di risposta. In questo diritto di risposta il Professore riportava le

Tout y est faux, tuto vi + falso, Eric Conan. Click...

Tout y est faux, tuto vi + falso, Eric Conan. Click…

affermazioni dello storico Eric Conan, pubblicate ne L’Express del 19-25 gennaio 1995, secondo le quali, nella presunta camera a gas nazista di Auschwitz, (quella che è stata visitata dal 1948 da milioni di turisti) «tutto è falso». E grazie a questa sentenza della Corte di Parigi è ormai possibile affermare, senza rischio di esser messi in prigione, che tutto quanto attiene alla pretesa camera a gas di Auschwitz non è nient’altro che una clamorosa e sfacciata presa in giro.
La conferenza del Prof. Faurisson è stata seguita con moltissimo interesse dai convenuti che al termine hanno a lungo applaudito l’oratore, il quale poi ha risposto a vari quesiti posti dai presenti.
Alla conferenza abbiamo notato la presenza dei noti revisionisti Gaston-Armand Amaudruz (ancora in attesa di essere rinchiuso nella prigione medioevale di Vevey) e di René-Louis Berclaz, organizzatore dell’incontro.
Dettaglio interessante: dopo la conferenza, quegli intervenuti che sono ripartiti in automobile, sono stati fermati dalla Polizia (in borghese), a poca distanza dalla sede della conferenza o, più tardi, da quella di frontiera, in corrispondenza dei vicini valichi. Sono stati controllati e registratii documenti di identificazione ed è stato esaminato il contenuto dei veicoli. Forse i revisionisti sono equiparati a pericolosi terroristi. E si è data così agli stranieri (ed anche agli italiani) una chiara dimostrazione di quanto contino in Italia le libertà costituzionali e la privacy.

webmaster@popoloditalia.it, 1998 Il Popolo d’Italia  (Fonte http://www.vho.org/aaargh/ital/attua/rs0412.pdf)

____________________

7) Produzione di un video revisionista e conferenza di presentazione, Como 2012

Como, arriva la Digos ma Forza nuova conferma il meeting revisionista nel giorno  della Memoria

1/28/2012

(umt) A lanciare l’allarme era stato il nazi-buster di “La Repubblica” Marco Pasqua, che ha ripreso l’annuncio dalle pagine di Stormfront. Un post di biomirko, un militante forzanovista che è anche assiduo membro del forum razzista, dava l’appuntamento  per la sera del 27 gennaio. Un meeting a porte chiuse nella sede del movimento. 

 

La copertina del video. Click...

La copertina del video. Click…

Forza Nuova Lario e l’Associazione Culturale Quattrocentodieci sono liete di comunicare che il giorno 27 gennaio 2012 (il giorno del pesce d’aprile ebraico) nei locali di via Napoleona, 1 – Como, a partire dalle ore 21:30, si terrà una conferenza sul Revisionismo Olocaustico. Durante la conferenza verrà trasmesso il documentario autoprodotto “Wissen Macht Frei” (durata del filmato un’ora e quaranta minuti) (Il video è ancora visibile su Youtube). Per ragioni di sicurezza e considerata la costante presenza nel web di “agenti dell’Hasbara” e “Sayanim”… i nomi dei due relatori NON verranno divulgati. La conferenza NON è ad ingresso libero… solo le persone conosciute o invitate potranno prendervi parte: non abbiamo intenzione di trasformarci nei “capri espiatori” dell’odio giudaico e non abbiamo alcuna vocazione a divenire gli “agnelli sacrificali” di un certo tipo di “stampa democratica”. Per chi fosse interessato…. mandare PM. Concludo con la risposta di Carlo Mattogno alla domanda: “perchè lo fai???” ……………………PER IL GUSTO!!!!

(Fonte http://www.fascinazione.info/2012/01/como-arriva-la-digos-ma-forza-nuova.html)

____________________

 8)  Cantù 2014, l’oscurantismo reazionario ebraico-sionista e comunista contro la Conferenza revisionista

Gli ebrei lerner, fiano, anpi  contro la conferenza. Click...

Gli ebrei lerner, fiano, anpi contro la conferenza. Click…

 

 

 

 

 

 

 

 

Il testo è stato modificato il giorno 02.10.2014

_____________

Avvertenza
.
!newsletter, prospettiva,diversa,iscriviti_x sitoseguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. In blue testi di Olodogma. Foto, titolo di testa, grassetto, links, colore, sottolineatura, evidenziazione, non sono parte del testo originale. Per  contattarci…  olodogma@gmail.com .   QUI  l’Archivio 1  e  QUI  l’Archivio 2 di Olodogma .
Per non perdere alcun aggiornamento del sito consigliamo l’iscrizione alla “Newsletter”. L’iscrizione può essere auto-cancellata in ogni momento.
.
.
Torna alla PAGINA INIZIALE