«

»

Lug 22

0755 – Nuovamente in carcere un pensionato tedesco di 78 anni…per leso olocausto!

.

I garanti della menzogna di Auschwitz in azione contro la libertà di espressione di un cittadino tedesco di 78 anni! Una persecuzione infinita. Riceviamo e pubblichiamo…

Pensionato in carcere per il suo revisionismo

Repressione in Germania. Click...

Repressione in Germania. Click…

Sul sito web del giornale tedesco “Hannoversche Allgemeine” del 19 luglio, si apprende che un pensionato di 78 anni è stato condannato per incitamento all’odio razziale da parte della Corte distrettuale di Springe a 10 mesi di carcere. Questo perché il giudice Tanja Künnemann (un nome da ricordare) non vedeva alcuna ragione per sperare in un cambiamento positivo nel comportamento del pensionato cui è stata negata la libertà provvisoria.
Arnold Höfs che era già stato condannato 5 anni addietro per un reato simile, è, oggi, accusato di aver rilasciato 700 copie di un opuscolo che “minimizza (fantastico!) l’Olocausto, incluso il numero totale di morti di Auschwitz (sic!) e il numero totale degli ebrei uccisi dai nazisti

 

La frana del numero dei morti di Auschwitz.Click per ingrandire

La frana del numero dei morti di Auschwitz.Click per ingrandire

[quindi questo…ridurre i numeri dei morti… è il vero pomo della discordia!  Nei fatti passare dai 9.000.000 del film-documentario Notte e Nebbia del 1955 di Alain Resnais, regista di origine ebraiche, con testo scritto dall’ebreo ex internato  Jean Cayrol coi consiglieri storici Henri Michel e l’ebrea e storica Olga Wormser-Migot), film straordinariamente menzognero, che ancora oggi viene proiettato in tutte le scuole di Francia,  ai 4.000.000 del tribunale di Norimberga, documento URSS-8  avente valore diprova autentica (secondo l’Art. 21 dello statuto del tribunale), ai “circa 1.500.000” attualmente certificati dalle lapidi di Auschwitz, ai 670.000 di JC Pressac ai 356.000 di un ebreo come fritjof mayer… non è una minimizzazione? Horst Mahler, polemicamente, denunciò la MINIMIZZAZIONE numerica dell’ebreo meyer… ma i solerti giudici NON trovarono nulla di penalmente rilevante nella riduzione  dell’ebreo meyer avvenuta su suolo tedesco! Negazionismo puro dei dati standard…LEGALE?... perchè? Chiaramente la minimizzazione “numerica” porta con se la consapevolezza che i dati precedentemente forniti e propagandati erano solo dei FALSI! Quindi ci sono dei falsificatori, a quale scopo? Se i dati precedenti erano sbagliati o falsificati….come si è potuto calcolare il famoso e dogmatico 6.000.000? Se ad Auschwitz si è passati da 4.000.000 a 1.500.000 (è un falso) dove “mettiamo” questi 2.500.000 “rinati”?

Se a Norimberga si sono accettate le “prove”:

– dell’omicidio, ad Auschwitz, di 4.000.000, successivamente risultato falso,

-della responsabilità tedesca nell’eccidio di Katyn, che oggi sappiamo opera dei sovietici,

– della trasformazione degli ebrei in sapone , successivamente risultato falso,

l’impiccagione di quelle persone non si trasforma, quantomeno, in un omicidio plurimo?]

Egli ha sostenuto davanti alla corte che questo opuscolo è il isultato di otto anni di personale ricerca. Arnold Höfs ha una settimana di tempo  per opporsi a questa sentenza.

Fonte originale http://www.haz.de/Hannover/Aus-der-Region/Springe/Nachrichten/Zehn-Monate-Haft-fuer-Holocaust-Leugner

_________________________________________

Arnold Höfs non è nuovo alla repressione sterminazionista del GROD (grande regime di occupazione democratica, detta, anche, germania), di seguito riportiamo un suo precedente incontro ravvicinato con la olodemocrazia sterminazionista avvenuto nel 2008…

_______________________________________

Caccia al revisionista in Bassa Sassonia

Click...

Click…

Abbiamo da poco appreso che il 3 Dicembre scorso, un tedesco di 72 anni, Arnold Höfs, è stato condannato dal tribunale cantonale di Springe (Bassa Sassonia) a quattro mesi di prigione per “istigazione all’odio razziale”: aveva inviato, nel Febbraio e nel Marzo di questo anno, un centinaio di lettere al Ministero della Giustizia, a dei servizi pubblici e a dei media, accompagnate da scritti che aveva redatto con lo pseudonimo di “Herbert Hoff” e in cui aveva negato lo sterminio degli ebrei europei.

Dovrà inoltre pagare 1.500 euro al Museo della Bassa Sassonia e a quello di Bergen Belsen.

Arnold Höfs era stato il tesoriere dell’associazione fondata da Horst Mahler, “Associazione per la riabilitazione delle persone oppresse per la loro contestazione dell’Olocausto” (VRBHV), che è stata interdetta, insieme all’associazione “Collegium Humanum”, dal Ministero dell’Interno il 7 Maggio del 2008.

Il pubblico ministero, Katharina Ihnen, ha accusato Höfs di aver minimizzato il genocidio nei suoi scritti, “dando prova di cinismo e di una grande energia criminale“, per aver qualificato l’Olocausto di “propaganda”. La giudice, Franziska Jäger, ha approvato la requisitoria del pubblico ministero, stimando che quello che ha fatto l’imputato non era “cosa da poco” (che non fosse da poco è ben vero! Le menzogne olocau$tiche sono le BASI  del sistema politico europeo, e non solo, sorto nel 1945! Il mito fondante i vari ROD (regime di occupazione democratica) . Fonte: http://andreacarancini.blogspot.it/2008/12/caccia-al-revisionista-in-bassa.html

_________Avvertenza_______________

seguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. In blue testi di Olodogma. Foto, titolo di testa, grassetto, links, colore, sottolineatura, evidenziazione, non sono parte del testo originale. Per  contattarci…  olodogma@gmail.com .   QUI  l’Archivio 1  e  QUI  l’Archivio 2 di Olodogma . Torna alla PAGINA INIZIALE