«

»

Gen 08

0535 – Perchè è caccia a Dieudonné? Ospitò Robert Faurisson e non crede più alle camere a gas di Auschwitz!

.

La provocazione al muro del pianto. il kotel.

                          La quenelle al muro del pianto. il kotel

Il vero incubo della mafia-sionistolocau$tica non è il Dieudonné bensì il… “tandem Dieudonné-Faurisson” che gli ha rotto il giocattolocau$to!

Il terrore è nella consapevolezza che , diffuse liberamente le ricerche storiche revisioniste del Prof. Faurisson,  etc, discusse nelle scuole, sui giornali, in TV, confrontate nei teatri come proposto dal comico in questi giorni, si creerebbe un clima di forte rifiuto per chi ha mentito e raggirato deliberatamente , estorto denaro e ottenuto un vantaggio illimitato verso chiunque altro …tanto che  in Europa, non ci sarebbe più spazio abitabile per chi in quel modo ha vissuto e prosperato! Il Corriere riporta una frase di Dieudonnè, riferita ad un cohen,…“Vedete, se il vento gira, non sono sicuro che lui abbia il tempo di fare le valige“…(Fonte,Corriere della Sera,del 28.12.2013,pag.15) questo il dramma! …e la fuga degli ebrei dalla Francia è una conferma che non si ritiene più valido il preservativo dell’olocau$to e che la sua “santità” se la sono giocata da tempo gli azionisti della “Au$chwitz” SpA, Industria dell’olocau$to! Altro che “quenelle”! Olodogma

________________________________________________________________________

.
Mutatis mutandis un altro caso Garaudy

Parigi. E` caccia a Dieudonné

Lorenzo Moore

  (06 Gennaio 2014)

A Parigi è dunque scattata la “caccia a Duieudonné”, l’artista satirico che, obbrobrio degli obbrobri, viene dichiarato “antisemita” e da silenziare.

Link del video : http://www.youtube.com/watch?v=nOORJHWW1Os

C’è da ricordare che già nel 2008, il 26 dicembre, presso lo Zénith, Jacky Sigaux, assistente di Dieudonné – reo di aver consegnato a Robert Faurisson (il premio dell’IMPRESENTABILITA’, ndr . Manca una parte del testo) lo storico revisionista, era stato aggredito e malmenato da una banda di fanatici. Così pure era accaduto all’intellettuale (già impegnato a gauche), Alain Soral e, naturalmente, allo stesso Dieudonné.

la 'quenelle' al memoriale

la ‘quenelle’ al memoriale

Quest’anno, il 1 e il 2 di gennaio 2014, la battuta di caccia contro l’artista maledetto è stata propagandata dal quotidiano Le Monde, con un editoriale in prima pagina e due pagine interne, la 6 e la 18. Chiamata alle armi reiterata con una pagina intera il 4 gennaio (pag. 7) e ripresa il 5 gennaio con un altro attacco consacrato a Dieudonné da Le Journal de la Dimanche.

[Dieudonné] a l’intention de réinviter sur scène et de redonner la parole au négationniste Robert Faurisson
(“Comment Manuel Valls veut museler Dieudonné”, Le Journal du Dimanche, 5 janvier 2014, p. 15).

Interessante notare che nei suoi 68 anni di vita e nei suoi 21447 numeri assai rari sono state le pagine e mai tanto spazio a una sola persona.
Il tutto per dichiarare il carattere “nauseabondo” e “infame” dell’artista semi-negro naturalizzato francese.

La 'quenelle' ed anna frank

                       La ‘quenelle’ ed anna frank

L’editoriale di prima pagina, lungo tutta la prima colonna, è un invito ad “applicare la legge” (cioè reprimere) e a tagliare ogni tipo di sopravvivenza finanziaria alla attività teatrale del “Cattivo Cittadino”.
I tre quarti della pagina 6 sono stati consacrati a due lunghi articoli firmati d atre “giornalisti”. Il tutto per preconizzare e sollecitare un’inchiesta giudiziaria su Dieudonné che si è permesso una riflessione su Patrick Cohen e le camere a gas.
L’intera pagina 18 è stata occupata da due articoli, uno del sociologo Michel Wieviorka,  e l’altro dell’antropologo Jean-Loup Amselle il cui curriculum – ci sarebbe da ridere – riguarda l’ibridismo (“Logiche meticce“, 1999).
In ambedue le psico-analisi si evoca il premio al “negazionista” Robert Faurisson e si definisce lo stesso Dieudonné “antisemita” e “negazionista“.
faurisson,dieudonné,teheran,conferenza su Hollywoodismo,2012Come commentato dal “convitato di pietra” dei vari articoli, Faurisson”,

il giornale di Louis Dreyfus et di Pierre Bergé ha inaugurato il nuovo anno con un’iniziativa senza precedenti, decretando che il semi-negro Dieudonné M’bala M’bala dovrà essere ormai privato del fuoco e dell’acqua”…

 

la 'quenelle' ad Auschwitz-Birkenau

             la ‘quenelle’ ad Auschwitz-Birkenau

Sta di fatto che OltrAlpe sembra non abbiano altre preoccupazioni che reprimere la libertà di pensiero. Anche se si tratta di un pensiero diciamo così, “leggero”, di un comico della banlieu.
D’altra parte la Nuova Francia è da tempo maestra in tale attività.
C’è, infatti, da ricordare, la scomunica a suo tempo inferta dal Nuovo Regime a un intellettuale già osannato dalla Gauche (au caviar), Roger Garaudy, morto l’anno scorso a 98 anni. Accusato, processato e antisemitizzato, per un libro che non aveva mai scritto, libro nel quale avrebbe minimizzato “la barbarie hitleriana” e professato antisemitismo e discriminazione razziale.
Un caso eclatante di prestidigitazione dai sayanim che pullulano nei Palazzi di Francia. Lo stesso gruppo di potere denunciato a suo tempo (ai tempi di Regis Debray, Pompidou) dal generale De Gaulle.
In realtà il filosofo ex marxista Garaudy, che aveva abbracciato l’Islam, nel 1995 scrisse Les Mythes fondateurs de la politique israélienne (I miti fondanti del moderno Stato di Israele). A causa di quest’opera  fu accusato di aver dato luogo a una campagna di diffamazione e di incitamento all’odio razziale. Il libro si compone di tre capitoli principali: “I miti teologici“, “I miti del XX secolo” e “Uso politico del mito“.
L’opera sostiene l’esistenza di un complotto sionista, che avrebbe inventato l’Olocausto per giustificare l’espansionismo israeliano:

Garaudy negava così il genocidio della Germania nazionalsocialista contro gli ebrei e respingeva perché falsa la teoria della cosiddetta “soluzione finale“.

 

Garudy ed il suo libro

                                Garudy ed il suo libro

A suo dire Hitler non avrebbe ordinato lo sterminio: la parola “sterminio” sarebbe una falsa traduzione quando in realtà si sarebbe dovuta utilizzare il termine “espulsione“.
Sempre secondo lil filosofo francese gli ebrei sono stati decimati dal tifo e dai forni crematori utilizzati per bruciare i cadaveri delle vittime della malattia. Affermò che le camere a gas non erano mai esistite e che la loro scoperta derivi da “confessioni” ottenute da soldati tedeschi costretti dalle torture [ su tale metodo si vedano le note (1) (2) (3) (4) ] .  Inoltre egli puntò il dito contro i crimini di guerra statunitensi (che sarebbero peggiori di quelli nazisti) e contro il sionismo, posto sullo stesso livello del nazismo.
A causa di queste tesi subì cinque procedimenti penali che si conclusero il 16 dicembre 1998 con una condanna a 6 mesi di carcere ed a numerose ammende. La sentenza venne confermata dalla Cassazione parigina il 12 settembre 2000; Garaudy non demorse e fece ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, adducendo di aver agito in nome della libertà d’espressione, ma la Corte respinse la sua richiesta.
Il suo libro, tuttavia fu tradotto e pubblicato in 23 Paesi del mondo. Un’opera che denunciava la strategia colonizzatrice resa pubblica dal teorico del Pentagono Huntington: “Le choc des civilisations” (Il conflitto tra civiltà).
Una strategia che avrebbe portato ad una terza guerra mondiale tra la civilizzazione giudeo-cristiana e l’unione dei pensieri confuciano e islamico.
Secondo Garaudy si trattava della “missione” affidata allo Stato di Israele dal fondatore del sionismo, Teodoro Herzl: “Noi costituiremo un bastione per la civilizzazione occidentale contro la barbarie d’Oriente”.
Circola in Francia un libro “Le procès de la liberté“, éditions Vent du Large, Roger Garaudy & Me Jacques Vergès, 144 pages, 23 euros, che descrive bene i processi subìti da Garaudy. Vi si riporta, tra l’altro, la difesa finale del suo avvocato, Me Jacques Vergès che conclude, rivolta alla Corte così:

“Roger Garaudy vi chiede semplicemente di parlare di Israele con la stessa libertà di un ebreo. Quello che vi si domanda, oggi è – in virtù di una legge scellerata (la Fabius-Gayssot) – di fare la guardia attorno ad una menzogna, e cioè consacrare l’esclusività tedesca del crimine contro l’Umanità, menzogna ancora più sacrilega tanto più che il mondo trasuda oggi crimini da tutti i suoi pori. Vi si domanda di portare avanti un processo oscurantista contro la libertà di pensiero, un processo che mette la Francia alla berlina di quelli che tale legge pretende di difendere. Tuttavia, prendendo la legge per quello che è, analizzandola secondo i vostri princìpi, avete il diritto e il dovere di dire NO, per l’onore della Francia e della Repubblica”.

Questo il caso che provocò la Nuova Inquisizione contro Roger Garaudy.
Che oggi si vorrebbe rinnovare contro Dieudonné M’Bala M’Bala.

Fonte: http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=22856

Note:

1) Articolo sulle torture contro i soldati tedeschi, finalizzate ad ottenere “confessioni coerenti”! http://olodogma.com/wordpress/2013/09/16/0383-le-menzogna-di-auschwitz-con-la-tortura-gli-inglesi-ottennero-la-confessione-di-rudolf-hoss-comandante-del-konzentrationslager/

2) Altro articolo sulle torture contro i soldati tedeschi ammesse dal giudice! http://olodogma.com/wordpress/2013/05/31/0257-menzogna-di-auschwitz-le-confessioni-estorte-con-tortura-atrocita-americane-in-germania-accertate-dal-giudice-van-roden/

3) Sulle “confessioni” estorte di Rudolf Höss , Rudolf Franz Ferdinand Höß, abbiamo disponibile l’analisi del maggior esperto mondiale di cose di olocau$to ebraico, Carlo Mattogno, cliccare QUI.

4) Da fonti “ufficiali” la non necessaria conferma: …”Oltre 3.500 prigionieri tedeschi torturati dagli Inglesi”...http://olo-truffa.myblog.it/2012/07/26/oltre-3-500-prigionieri-tedeschi-torturati-a-londra-i-segret/

________________

seguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. Foto, evidenziazione, grassetto, colorazione, titolo di apertura, non sono parte del testo originale. Per  contattarci…  olodogma@gmail.com .   QUI  TUTTI gli articoli di Olodogma . Torna alla PAGINA INIZIALE