«

»

Dic 09

0501 – ebrei?…no grazie! Conferenza di Evian, nave S.Louis, nave Quanza, anna frank, Europa Plan, nessuno voleva gli ebrei!!! Perchè?

..

La menzogna/fabulazione olocau$tica e la realtà dei fatti!

The New York Times, vignetta, ebrei 3luglio 1938, EvianConferenceCartoon,conferenza,evian,francia,emigrazione,

                                       The New York Times, vignetta del 3luglio 1938 sulla conferenza di Evian

Nella leggenda/fabulazione olo-$terminazionista gli USA-Alleati sono descritti come i difensori degli ebrei perseguitati in Europa negli anni ’40. Promotori ed attori della guerra del “bene” contro il “male”(assoluto)! Abbiamo almeno 5 casi documentati che questa fama è completamente immeritata e pura propaganda.

1) Il caso della “Conferenza di Evian“, organizzata dagli USA (!) dal 6 al 15 luglio 1938 nella località francese di Évian-les-Bainsdel, Francia
2) Il caso della nave “S.Louis” salpata da Amburgo il 13 Maggio 1939
3) Il caso della nave  “Quanza“, settembre 1940 (foto)
4) Il caso “anna frank
5) Il caso “Europa Plan

Vediamo brevemente:

Delegati alla Conferenza di Evian, Francia, Luglio 1938

Delegati alla Conferenza di Evian, Francia, Luglio 1938

Nel primo caso degli oltre 30 “paesi” democratici partecipanti  NESSUNO tranne un solo paese, la Repubblica Dominicana, aveva accettato ufficialmente di accogliere i profughi dall’Europa [il dittatore Rafael Trujillo, influenzato dal movimento eugenetico internazionale , credeva che gli ebrei avrebbero migliorato la “qualità razziale” della popolazione dominicana (1) ] accettò di aumentare le “quote” di ingresso sul proprio territorio. Francamente il delegato australiano, il Ministro del lavoro , T. W. White, sentenziò:

as we have no real racial problem, we are not desirous of importing one.“(“siccome non abbiamo alcun reale problema razziale, non siamo desiderosi di importare uno.”)

 

La nave S.Louis nel porto di Havana, Cuba

La nave S.Louis nel porto di Havana, Cuba

Nel secondo caso alla nave “S.Louis” salpata da Amburgo il 13 Maggio 1939, con a bordo oltre 937 ebrei europei, NON fù permesso l’attracco in alcun porto USA. Dovette tornare e riportare i 937 ebrei in Europa!

.

.

.

 

Didascalia originale: European refugees jews, who have been denied entry to the United States and Mexico, line the deck of the SS Quanza-settembre-1940

Didascalia originale: European refugees jews, who have been denied entry to the United States and Mexico, line the deck of the SS Quanza-settembre-1940

Nel terzo caso, quello della nave  “Quanza“, settembre 1940, furono fatte forti opposizioni allo sbarco dei 200 ebrei europei. Solo con un sotterfugio (il permesso temporaneo di soggiorno!) si risolse il “caso”!

.

.

.

.

$$$_ anna,frank,otto,emigrazione,banca,truffaNel quarto caso, piccolo, ma significativo: Il padre di anna frank scrisse molte lettere per avere aiuto ad immigrare in USA. Le suppliche cessano dopo l’attacco a Pearl Harbour (7 Dicembre 1941), poco tempo dopo i frank si ritirano nel “rifugio segreto”. Il sedicente wiesel elie, ha dedicato numerosi scritti per imputare all’amministrazione Roosevelt la scelta di non accogliere gli ebrei in fuga dall’Europa. 

Nel quinto caso si segnala il caso del mancato “salvataggio” di 1.000.000 di ebrei da parte “alleata”! Il “caso “Europa Plan“…

” le cui trattative cominciarono in forma ufficiale nella primavera del 1944. HimmIer proponeva Io scambio di un milione di ebrei (bambini, donne, vecchi) “per 10.000 autocarri pesanti, mille tonnellate di caffè e un po’ di sapone” .

Joel Brand testifying at the Eichmann TrialJoel Brand, (in foto, mentre depone al processo Eichmann a Gerusalemme) che conduceva le trattative da parte ebraica, si recò ad Istambul e da lì al Cairo.

“In pratica gli ostacoli sorsero da parte degli alleati. Joel Brand fu internato dalle autorità britanniche, senza aver avuto la  possibilità di portare a termine il suo incarico; e il Dipartimento di Stato americano proibì al dottor Schwartz, direttore dell’American Jewish Joint, di trattare con sudditi nemici” .

Joel Brand riusci a trasmettere la proposta tedesca a Lord Moyne, allora ministro di stato britannico per il Medio Oriente, che gli rispose:

E che dovrei farmene di un milione di ebrei? Dove dovrei metterli? (2)

_____________

Perchè nessuno voleva i “parenti“o futuri “geni” delle scienze e futuri “premi vari“?

conferenza,evian,1938,australia,non,vuole,problemi,razziali,ebrei,Sintomatica la risposta australiana, basta da sola a rendere esplicito il motivo di tanto rifiuto ad ospitarli:

as we have no real racial problem, we are not desirous of importing one

(“siccome non abbiamo alcun reale problema razziale, non siamo desiderosi di importare uno) (3)

Quindi la presenza di quella gente, se ne deduce, avrebbe CREATO SERI PROBLEMI RAZZIALI.

Quindi l'”ebreo”, per l’australiano del 1938, era una “razza”! Che strano che l’Australia abbia dichiarato guerra alla Germania …”razzista” con gli ebrei!

Göbbels, durante il Consiglio dei ministri del 12 novembre 1938, sogghignava:

nein-danke-no grazie“E’ curioso come i paesi in cui l’opinione pubblica si leva a favore degli ebrei rifiutino regolarmente di accoglierli. Dicono che sono pionieri della civiltà, geni della filosofia e della creazione artistica ma, quando si tratta di accettare questi geni, chiudono le frontiere!

 

Effettivamente…

.

Note:

1) Fonte della notizia: http://twowhodared.facinghistory.org/content/investigation1

2) Gerald Reitlinger, La soluzione finale, p. 545.

3) Fonte: http://www.holocaust.com.au/mm/i_australia.htm

________________

seguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito, dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. N.B. Sono gradite segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. Foto, evidenziazione, grassetto, colorazione, titolo di apertura, non sono parte del testo originale. Per  contattarci…  olodogma@gmail.com .   QUI  TUTTI gli articoli di Olodogma . Torna alla PAGINA INIZIALE