«

»

Ott 25

0445 – XI- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. I contrari: Riccardo Scarpa della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo

Presentiamo un intervento di Riccardo Scarpa, segretario generale della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo, contrario all’introduzione del “reato di negazionismo” tanto necessario agli “impiegati della memoria” nella “Industria dell’olocau$to” e supporters dell’entità sionista incistata in terra di Palestina. Il testo è commentato, in blue, da Olodogma.

_____________________L’articolo______________________

Reato di negazionismo, quando Voltaire non insegna nulla

Pubblicato Giovedì, 24 Ottobre 2013

!legge,pacifici,anti-revisionismo,israel-lobby,interessi,negazionismo«Non sono d’accordo con te, ma darei la vita per consentirti di esprimere le tue idee», queste chiarissime espressioni di Voltaire sono le prime a venire in mente a proposito del disegno di legge per introdurre nell’ordinamento penale italiano il reato di negazionismo.

La fattispecie criminosa consisterebbe, infatti, nell’esprimere e divulgare con scritti ed altri strumenti d’informazione l’opinione che il genocidio degli ebrei, perpetrato in Europa dal regime nazista, sarebbe tutta una montatura.

[Primo errore : si da per scontato/dimostrato/assunto l’avvenuto “sterminio” ebraico, assolutamente NON definito! Secondo errore: la miglore ricerca revisionista contesta PUNTO per PUNTO la versione standard, non fa sintesi politica o ideologica, non generalizza]

In sé, quelle posizioni e quelli scritti o sono smentite dalle risultanze documentali, o si rilevano espressione quanto meno di posizioni etico politiche aberranti.

Certamente dire, scrivere o divulgare, ad esempio, che gli ebrei concentrati nei campi sarebbero morti per un epidemia di tifo petecchiale, e i forni crematorî servirono per bruciare i cadaveri nel tentativo di fermare l’epidemia, contrasta con la struttura stessa di quei campi, conservatici per fare memoria dell’accaduto, e con un’infinità di materiale documentale.

[Sarebbe interessante/utile, per capire, che lo Scarpa spiegasse quale sia la “struttura” che “contrasta”. Forse potrebbe spiegare da DOVE si introduceva lo Zyklon-B nel “leikenkeller I” dei Krematorien II e III di Birkenau” , oppure quale sia il “materiale documentale” a supporto.]

La storiografia si fa con altri modi. Limare le cifre dell’olocausto lasciando intendere che numeri diversi, sia pure di zeri, diminuirebbero la gravità del crimine, è fraintendere il fondamento etico politico dei diritti degli esseri umani, che è una questione di qualità  e di valore della vita e non di quantità di corpi macellati.

[ Non siamo interesati in alcun modo a valutazioni che non siano pratiche, fisiche, controllabili, verificabili. Quindi Etica, Filosofia, Politica, Morale le lasciamo ai prestidigitatori della lingua, ai ventriloquiimpiegati della memoria” in SpE accompagnatori di allegre comitive studentesche, in vacanza gratuita, pagata dal debito pubblico italiano, nel boschetto di betulle di Auschwitz-Birkenau . Il gioco sterminazionista è quello delle tre carte, interpretando la riduzione numerica come una voglia/necessità di ridurre il crimine che avrebbero i ricercatori revisionisti! Quasi giustificarlo! NO, non è così! La contestazione dei “numeri” serve SOLO a dimostrare che chi li ha affermati HA DELIBERATAMENTE MENTITO! CHIUNQUE esso sia, mutilatogenitalmente o meno! Poter affermare sul muso del/dei soggetti: AVETE MENTITO! Questa è una prima conseguenza delle riduzioni numeriche. La seconda, ben più rilevante, è che ogni nuova riduzione porta a SMENTIRE versioni precedenti, coi loro numeri, testimoni, prove, confessioni, che inevitabilmente vengono travolte e consegnano patenti di FALSO e FALSARI senza scadenza! Storici professionisti compresi. I numeri non sono “elementi retorici” bensì I SOLI elementi che consentono di perimetrare, periziare, definire un fatto, al pari di una perizia automobilistica nei casi di sinistro stradale! ]

Nessuna organizzazione è più preoccupata d’evitare rigurgiti antisemiti della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo che, nel 1922, fondò a Parigi la Fédération internationale des ligues des droits de l’Homme (FIDH) assieme alla Ligue des Droits de l’Homme et du Citoyen (LDH) francese, che per prima fu impegnata nel contrasto dell’antisemitismo all’epoca di Dreyfus;

[Sull’uso del termine “antisemitismo” ci  rifacciamo a qualcuno che, pensiamo, se ne intendesse, levi primo…”l’avversione contro gli ebrei, IMPROPRIAMENTE detto antisemitismo“…  ( levi primo, pag.170 de  Se questo è un uomo, Einaudi 2009 )]

ma quale segretario generale della stessa non ritengo questo un buon motivo per infrangere la regola aurea liberale, secondo la quale gli esseri umani possono essere considerati penalmente responsabili per gli atti che compiono ma non per il pensiero e le opinioni che esprimono.

La legge in discussione infrange questo immortale principio, e quando fondamenti di tale portata vengono meno si apre la stura a qualunque conseguenza. Il fatto che questo reato d’opinione sia stato introdotto in altri Stati membri dell’Unione europea ed aderenti al Consiglio d’Europa, non è garanzia rassicurante di legittimità, ma un’allarmante segno dei tempi. Da laicista quale sono, potrei essere indotto a chiedere l’introduzione del reato di propaganda fondamentalista, e poi denunciare i sacerdoti che fanno campagna per l’obbiezione di coscienza dei ginecologi ospedalieri all’interruzione volontaria della gravidanza; si potrebbe introdurre una norma punitiva non di atti di omofobia, ma dell’opinione contraria all’omosessualità, e condannare un sessuologo che in un lavoro la considerasse una devianza. Da nipote di un garibaldino gradirei una sanzione contro il revisionismo storico antirisorgimentale.

Reintrodurre una fattispecie di reato d’opinione di fatto abroga la libertà di pensiero, quando questa intacchi il politicamente corretto. In fondo, l’inquisizione cattolica romana, per qualche secolo, ha consegnato al braccio secolare, per il rogo, i liberi pensatori teologicamente scorretti. Furono i secoli durante i quali gli ebrei romani dovettero prostrarsi per mettere la testa sotto la pantofola del Papa, il quale si considerò il Gran Sacerdote del Verus Israel.

Possibile che la storia insegni così poco? Quanto all’opportunità, gli scrittori negazionisti sostengono tesi che una storiografia fondata sui documenti

[Lo Scarpa sembra ignorare le affermazioni dello storico francese Baynac…

La vera trappola tesa dai negazionisti è qui in questo dilemma davanti al quale hanno spinto a porsi gli storici. Volendo contraddirli sul terreno scientifco, li si induce a gridare: “Storici, i vostri documenti!” — e bisogna stare zitti per mancanza di documenti.

Ma volendo opporsi ad essi adducendo delle testimonianze, li si sente sogghignare: “Niente documenti? Niente fatti. Voi fate della fiction, del mito, del sacro]

non può che rilevare opera di ridicoli autori di testi squinternati. Occorre solo farne dei martiri del libero pensiero per elargire loro dignità.

Riccardo Scarpa

(Segretario generale della L.I.D.U.)

Fonte: http://www.agenziaradicale.com/index.php/rubriche/riceviamo-e-pubblichiamo/2103-reato-di-negazionismo-quando-voltaire-non-insegna-nulla

.INQUISIZIONE  $HOATICA (2013), ARTICOLI PRESENTI SU QUESTO SITO
0445) 25-10-2013 XI- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. I contrari: Riccardo Scarpa della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo
0444) 25-10-2013 X- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. I contrari: Enzo Collotti, storico: Una scorciatoia tutta politica
0442) 24-10-2013  IX- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. I contrari: Carlo Giovanardi: Il reato di negazionismo? Colpirà gli ebrei
0441) 23-10-2013  VIII- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. I contrari: gli storici del SISSCO: no alla legge sul negazionismo
0438) 22-10-2013 VII- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. I contrari: Sergio Romano…un “freno alla deriva delle leggi sulla memoria”
0432) 19-10-2013 VI-  Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. I contrari: gli storici Marcello Flores, Simon Levis Sullam, Enzo Traverso: no alla legge sul negazionismo( SCANDALOSA PRESA DI POSIZIONE dello storico Giannuli!)
0431) 18-10-2013 V- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. I contrari: Pannella, nirenstein fiamma, il “fatto quotidiano”,Roberto Della Seta,Giorgio Israel,Franco Debenedetti,Marcello Veneziani
0430) 17-10-2013 IV- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo: il trucco commissione-senato-commissione “sede deliberante”!
0429) 17-10-2013 III- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo. Odifreddi su Norimberga…il processo è stato un’opera di propaganda,camere a gas…
0428) 16-10-2013 II- Inquisizione $hoahtica-legge anti-revisionismo: la fretta di Grasso, esigenze mediatiche
0427) 16-10-2013 I-Inquisizione $hoahtica : penalisti, a chi la nega rispondere con la cultura non col codice penale

____________________

A seguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2/8/13 i commenti sono chiusi.
N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. Foto, grassetto, corsivo, sottolineatura, evidenziazione, titolo di apertura, non sono parte del testo originale. Per contattarci… olodogma@gmail.com .  QUI  TUTTI gli articoli di Olodogma . Torna alla PAGINA INIZIALE