«

»

Set 17

0386 – Industria delI’o£ocau$to in pillole…l’ebreo sopravvissuto kertész imre : “Sono stato un clown dell’Olocausto”

Premessa di Olodogma

La TRUFFA del SAPONE fatto con gli ebrei...Sighet, Romania, Elie Wiesel,on the left, and another man standing by a soap monument-8605001516395550005

La TRUFFA del SAPONE fatto con gli ebrei…Sighet, Romania, Elie Wiesel,on the left, and another man standing by a soap monument-8605001516395550005

Pensiamo sia la seconda volta, dal 1945, che si oda una voce non “negazionista“, nè “assassina della memoria“, pronunciare la “bestemmia” “Industria dell’olocausto” e  “clown dell’Olocausto” ! Stiano tranquilli i più “caldi” revisionisti… non succederà nulla al sistema sterminazionista! Tutto il sistema economico/politico sterminazionista dei GROD ( Grandi Regimi di Occupazione Democratica, copyright del Dott. Gianantonio Valli ) europei e jankee è fondato su quel pilastro, affogato nella sabbia,… l’USURA e la FINANZA apolide col supporto del più formidabile arsenale militare di tutti i tempi…non temono 4 gatti di revisionisti ed un malato di  “Alzheimer“, nè, tantomeno, l’assente alternativa di qualunque genere! Ciò che merita, invce,  rilevare è l’uso del termine “clown“, affibbiato per la prima volta al sedicente wiesel elie, il “mercante della $hoah“, “clown fisso del circo dell’o£ocau$to“…il pontefice massimo dell’o£ocau$tianesimo, (nella foto a fianco il pontefice massimo olocau$tico, wiesel, mentre supporta la TRUFFA del sapone fatto con gli ebrei, sulla lapide, in ebraico, è scritto che qui riposano barre di sapone ottenuto dal grasso ebraico) memoria vivente del mai avvenuto sterminio di 6.000.000 di ebrei di cui 4.000.000 nelle mai esistite  “camere a gas” di Auschwitz… ciò significa che la diffusione dei testi revisionisti o solo parzialmente revisionisti ha prodotto falle nel fronte sterminazionista! E ciò è un gran bene! Ne verranno delle altre! Inevitabilmente! Olodogma

auschwitz spa,La notizia…

Imre Kertész : “Sono stato un clown dell’Olocausto”

16 settembre2013
 In un’intervista accordata al settimanale tedesco “Die Zeit“, Imre Kertész, scrittore  [ungherese] insignito del Premio Nobel nel 2002 e sopravvissuto di Auschwitz, denuncia l’industria dell’Olocausto di cui dice di essere la vittima, e lo sfruttamento della memoria dell’Olocausto per fini personali, politici e/o finanziari.

Amaramente, giudica oggi il suo ruolo in Germania in maniera critica, spingendosi sino a considerare di essere stato per i Tedeschi un “clown dell’Olocausto“.

 Denuncia come la memoria di questo periodo della Storia sia diventata in Germania  un’ industria.
 Kertész ritiene che l’aver ottenuto il Premio Nobel abbia avuto un effetto devastante su di lui e che dopo l’attribuzione non poteva più guardarsi allo specchio.
Ero diventato un’impresa, un marchio. Il marchio Kertész“, dice dispiaciuto.

Lo scrittore che oggi ha 84 anni è molto indebolito dal morbo di Parkinson ed è rientrato a vivere a Budapest dopo lunghi anni a Berlino. La stampa ungherese riporta abbondantemente i propositi dello scrittore.  L’intervista gratuita è parzialmente accessibile sul sito fonte originale:  http://www.hu-lala.org/2013/09/16/imre-kertesz-jai-ete-un-clown-de-lholocauste/

Domande di Olodogma:

1) Perchè NON fa nomi e cognomi di chi ha organizzato tale “Industria dell’olocau$to” ?

2)  Perchè non spiega lo scopo principale di tale “Industria dell’olocau$to” ?

La traduzione è a cura di GV per Olodogma

________________

Olodogma informa che:
A seguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2-8-13 i commenti sono chiusi.
N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. Foto, grassetto, corsivo, sottolineatura, evidenziazione, titolo di apertura, non sono parte del testo originale. Per contattarci… olodogma@gmail.com .  QUI  TUTTI gli articoli di Olodogma . Torna alla PAGINA INIZIALE