«

»

Lug 30

0325 – Testimonianza dell’ebreo lieberman,”sopravvissuto”: Auschwitz, camere a gas, docce, 42.000 gasati al giorno!

Fabulazioni ( olocau$tiche )

fabulazione: In psichiatria, la capacità di inventare storie, anche ricche di particolari; tale capacità, che è fisiologica nei bambini, può assumere netto significato patologico nelle personalità mitomani (pseudologia fantastica). È concetto di rilievo in psichiatria forense, per la psicopatologia della testimonianza.”  (http://www.treccani.it/enciclopedia/fabulazione/)

Indubbiamente l’ebreo lieberman ha mentito!

prima versione del cosidetto sterminio di Auschwitz con copyright ebraico-comunista, ELETTROESECUZIONE su nastro trasportatore boris polevoy,2febbraio1945,pravda

   ***

(In blue testi di Olodogma)

…”La storia propagandistica riferita da Poljevoi fu ripresa il 27 settembre 1945 da un ex detenuto di Auschwitz, tale Lieberman, che dichiarō quanto segue:

“Come ho giā detto, appartenevo al gruppo di lavoro che aveva il compito di scaricare le patate alla stazione. A quel tempo non avevamo alcun contatto con i detenuti del campo grande. Eravamo separati in quarantena ma eravamo alloggiati insieme ad un altro gruppo di lavoro, che prestava servizio nel crematorio e alle camere a gas. Per questo so che cosa [vi] accadeva. Gli uomini e le donne entravano  nella cosiddetta sala da bagno e si spogliavano separatamente, per evitare il panico.  Una volta spogliati, essi entravano da porte separate nella camera a gas centrale.

( qui si impone una disposizione dei locali che NON trova rispondenza nei disegni originali che si sono salvati, nè nelle rovine di quei locali che sono controllabili. In sintesi NON esistevano 2 “leikenkeller 2”  o olodefiniti “spogliatoi delle vittime” distinti per uomini e donne che da  “porte separate” entravano “nella camera a gas centrale“. Presenti solo nella “eletta” fabulazione liebermaniana)

Questa camera poteva contenere 3.000 persone. ( ciò corrisponde, per il Leikenkeller dei Krematorien II e III di Auschwitz, ad una densità di circa 15 persone a metro quadrato, quasi da Guinnes dei primati! )
Il gas si sprigionava attraverso gli spruzzatori delle docce e da bombe che vi venivano gettate dentro da aperture praticate appositamente per permettere questa procedura. La morte subentrava in  cinque minuti. Certi giorni, quando alla stazione di Birkenau arrivarono trasporti enormi, furono gasate 42.000 persone. ( ciò significa che, ammessi e non concessi, 5.000 deportati per ogni treno, che “certi giorni” sarebbero arrivati al Auschwitz 8.9 treni al giorno! Fatto NON riscontrabile nella pubblicazione ufficiale del Museo di Auschwitz, il “”Kalendarium der Ereignisse im Konzentrationslager Auschwitz-Birkenau 1939-1945“)
$$$_ truffa_del_gas_che_usciva_dalle_docce_zyklon-B_solidoTerminato il processo di gasazione, il pavimento della camera si apriva automaticamente e i cadaveri cadevano nella camera sotterranea, dove subentravano detenuti incaricati di estrarre loro i denti d’oro o di tagliar loro i capelli di una certa lunghezza. […]. ( in nessun campo di concentramento, nè “di sterminio”, è mai stata trovata traccia di tali impianti, tanto meno ad Auschwitz dove gli edifici “incriminati” sono ancora presenti sebbene in rovina, ma fosse vero il racconto, la “camera sotterranea” dovrebbe trovarsi sotto i “Leikenkeller”, che sono presenti e verificabili , cosa che NON corrisponde minimamente a verità! )
Dopo che erano stati recuperati i denti d’oro, i cadaveri venivano caricati su un  nastro mobile e trasportati ai forni crematori attraverso passaggi sotterranei.
( Anche di questo “nastro mobile” non esistono tracce, nè materiali, nè sui disegni costruttivi originali, tutt’ora consultabili)

C’erano quattro forni, uno grande e tre piccoli, che avevano una capacitā di 400 cadaveri in cinque minuti (1).

(Nel complesso concentrazionario di Auschwitz esistevano 5 forni crematori, non 4, ed erano a 2 a 2 uguali, tranne quello del campo principale, quindi è falso dire…”uno grande e tre piccoli”). (sulla capacità di incenerimento, 115.200 cadaveri in 24 ore, inutile dire! I 5 forni di Auschwitz avevano una capacità massima TEORICA di 1.040 cadaveri al giorno!)

Poi, quando il numero dei cadaveri superō la capacitā dei forni, furono scavate delle trincee e vi furono buttati dentro i cadaveri imbevuti di petrolio.
Ho visto personalmente queste trincee e sentito il puzzo della combustione. Ho anche potuto visitare le camere a gas e il crematorio, quando fui incaricato di pulirle un giorno che non erano in funzione.
Non ho mai visto personalmente i carrelli per il trasporto dei cadaveri, ho visto i forni in attivitā, ma, come ho giā detto, alcuni del gruppo di lavoro che prestava servizio nelle camere a gas e ai forni vivevano con noi e mi hanno raccontato questi particolari.

( Quindi il soggetto pretende SOLO di aver visto una stanza che sarebbe stata  ” la camera a gas”, con pavimento ribaltabile…che NON è mai esistito se non nella sua mente fabulatoria! Quindi basa il suo “racconto” su quello che avrebbe sentito, ciò è standard in moltissimi casi, il più tipico è quello dell’ebreo levi primo che parla della “camera a gas” (al singolare) senza averla MAI VISTA! …”di cui tutti ne parlano”…. ! )

Questo gruppo speciale di lavoro si chiamava Sonderkommando (commando speciale).

( Anche in questo caso è metologia fabulatoria standard! Nel campo di Auschwitz c’erano SVARIATI altri “SONDERKOMMANDO”, come è facilmente verificabile e si conoscono , usciti due documenti recentemente, solo due casi in cui il termine Sonderkommando è riferibile, con un pò di fantasia, al gruppo di lavoro dei crematori! )

Conosco personalmente un certo Jacob Weinschein (2)  di Parigi, che è un superstite di questo commando (3).

Note:

1)  Ciō corrisponde a una capacitā di cremazione di 115.200 cadaveri in 24 ore!
2)  Personaggio ignoto alla storiografia olocaustica.
3)  From a Memorandum by Mr. Lieberman, September 27, 1945, in: Azriel Eisenberg, The Lost Generation: Children in the Holocaust. Pilgrim Press, New York, 1982, pp. 139-141. Come fonte l’Autore menziona: From Nazi Conspiracy and Aggression, Vol. VI, Office of United States Chief Counsel for Prosecution of Axis Criminality, U.S. Government Printing Office, 1946; Vol. XI, pp. 1100-1103 (Document D 251).”…

Il testo è tratto da AUSCHWITZ:SESSANTA’ANNI DI PROPAGANDA, 27 GENNAIO 1945 – 27 GENNAIO 2005: Genesi, sviluppo e declino della menzogna propagandistica delle camere a gas, di Carlo Mattogno ( Fonte: http://olo-truffa.myblog.it/archive/2010/10/05/60-anni.html )

_______________________________________________________________
Olodogma informa che:
1) Non esercita filtro (solo antispam) sui commenti
2) I commenti sono di proprietà degli autori
3) Olodogma non si ritiene responsabile dei commenti lesivi dei diritti di terzi
4) Verranno rimossi
a- messaggi fuori tema con l’articolo
b- messaggi offensivi
c- messaggi che violano le leggi (istigazione a delinquere/violenza, diffamazione, apologia di reato)
N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. Foto,titolo di testa,colore, grassetto,sottolineatura,links,non sono parte del testo originale. In blue testi di Olodogma
Mail: olodogma@gmail.com .
Al seguente link l’elenco di TUTTI gli articoli presenti su Olodogma: http://olodogma.com/wordpress/elenco-generale-articoli/

Torna alla PAGINA INIZIALE

Lascia un commento