«

»

Lug 25

0316 – Un revisionista svizzero chiede al giudice di ascoltare come esperto il prof. Robert Faurisson

Riceviamo, traduciamo e pubblichiamo. L’idiota termine “negazionista”, ovviamente, non è nostro! La i$rael-lobby ha mondializzato, oltre la menzogna e la truffa, anche l’idiozia !

Un negazionista vuole “far fuori” il giudice del tribunale
A cura di Fedele Mendicino (18.07-2013)

L’uomo, che deve essere giudicato il 30 luglio, voleva che il revisionista Robert Faurisson fosse ascoltato al processo. Rifiuto del magistrato.
$$$_ faurisson,vidac-naquet,netanyahu,onu,ebrei,sionisti,sterminazionistiArrestato il mese scorso, un negazionista, che se la prende con gli ebrei e con un’organizzazione di lotta contro l’antisemitismo, sarà giudicato il 30 luglio davanti al Tribunale di polizia. All’inizio … Secondo le nostre informazioni, il cinquantenne, difeso dall’avvocato Pierre Bayenet, ha chiesto la ricusazione del giudice nella sua lettera del 17 luglio. Agli occhi della difesa, per questo caso, il presidente del tribunale sarebbe di parte.
All’inizio del mese, l’accusato chiede che il revisionista francese Robert Faurisson, condannato per “incitamento all’odio razziale”, sia ascoltato durante il processo.

Perché?

Le falsificazioni comuniste al Krematorium I di Auschwitz, anno 1948

Le falsificazioni comuniste al Krematorium I di Auschwitz, eseguite nell’anno 1948, cui fa riferimento il Prof. Faurisson

“Il mio cliente sostiene, per esempio, che ad Auschwitz una camera a gas esibita ai turisti, non lo sia, spiega l’avvocato Bayenet. Rimette in discussione la testimonianza di soldati afro-americani che dicono di aver liberato dei campi di concentramento. Secondo lui sono dei falsi testimoni.
Infine contesta che all’epoca ci fossero ordini scritti di eliminare gli ebrei. Il mio cliente non nega il genocidio, contesta dei fatti precisi. Per rispondere ai suoi interrogativi, ci sembra opportuno che il tribunale interroghi Robert Faurisson.”.

Secco rifiuto del giudice il 16 luglio: “Trattandosi di un fatto noto (1)  , il tribunale non deve istruire una contestazione, sulla veridicità di testimonianze (2) riguardanti l’Olocausto, sull’esistenza di milioni di vittime ebree sotto il nazismo, cosi come sull’esistenza delle camere a gas da persone che si dichiarano revisioniste.”
L’avvocato Beynet non intende cedere. Il giorno dopo quindi chiede al giudice di dichiararsi incompetente.
“E’inammissibile che non si dia al mio cliente la possibilità di provare di aver dichiarato il vero.” Agli occhi dell’avvocato Philippe Grumbach, legale della parte avversa, l’imputato “vuole utilizzare il Tribunale di polizia come un forum per dire che le camere a gas non esistevano. E’ inaccettabile” .

Se il magistrato rifiutasse la ricusazione, l’avvocato Bayenet ricorrerebbe in Corte d’appello.

Come abbiamo detto il 28 giugno, il Pubblico Ministero aveva condannato il detenuto, con un’ordinanza penale (OP), a una pena di 4 mesi di prigione per discriminazione razziale e calunnia. Per essersi opposto a tale sanzione dovrà ora affrontare un processo pubblico.(TDG)

Fonte originale:  http://www.tdg.ch/geneve/actu-genevoise/Un-negationniste-veut-la-peau-du-juge-du-tribunal/story/30342043

Commento:  Malgrado fosse rischioso recarsi in Svizzera, il Professor Faurisson aveva accettato di testimoniare. Pubblicherà prossimamente un messaggio su questo caso.

Traduzione a cura di GV per Olodogma

Note:

1) Il giudice sta usando lo stesso principio/trucco del “fatto noto” usato a Norimberga! Evidentemente non è ben documentato sulla fine ingloriosa dei “fatti notori” stabiliti nel processo farsa di Norimberga! Eccone alcuni esempi:

Dachau_gas-chamber-never-used-mai-usataFatto noto” era che  si dava per acquisito che in ogni lager esistesse la “camera a gas”, cominciando da Dachau, il filmato e le foto di quella pretesa “camera a gas” furono esibiti a Norimberga, a testimonianza di TUTTE le “altre”! OGGI sappiamo, ufficialmente, che quella esibita a Norimberga NON è mai stata utilizzata, come si può leggere nel cartello in foto; cartello esistente anche oggi nella pretesa “camera a gas”!

 

Katyn_In questo documento Berija suggerisce a Stalin l'esecuzione degli ufficiali polacchi._decision_of_massacre_p1Altro “fatto noto” la responsabilità tedesca dell’eccidio di migliaia di ufficiali polacchi nella foresta di  Katyn, eccidio “supportato” da “centinaia di testimonianze”, “perizie medico-legali”…OGGI sappiamo, per ammissione del governo russo, che fu opera dei comunisti e ordinata da Stalin! (Nel documento, in foto a fianco, Berija suggerisce a Stalin l’esecuzione degli ufficiali polacchi.)

 

ussr-393-prova-norimberga-sapone-umanoAltro “fatto noto” che i Tedeschi fabbricassero sapone col grasso ebraico, “provato” dalla “prova” USSR 393 (foto a fianco)! “Certificato” dall’ebreo wiesenthal simon che aveva, anche , individuato il luogo dove si fabbricava… “Belzec”…con l’utilizzo dei “corpi di 900.000 ebrei” ! Quale orrore! OGGI ammesso, ufficialmente, come falso storico, MAI verificato…propaganda comunista! Qui ci fermiamo!

Praticamente il giudice del 2013 adotta i principi dell’articolo 21 dello Statuto del  Tribunale Militare Internazionale, che afferma:

«Il Tribunale non richiederà la prova di fatti di comune conoscenza, ma ne prenderà judicial notice[*]. Esso prenderà judicial notice anche di documenti governativi ufficiali e di rapporti delle Nazioni Unite, inclusi gli atti e i documenti dei comitati istituiti nei vari Paesi alleati per indagare sui crimini di guerra e documenti o reperti di Tribunali militari o di altro tipo di tutte le Nazioni Unite»[**].
*) Il significato è che «La corte dichiara, o accetta, che certi fatti sono ben noti e non hanno bisogno di essere provati». Glossario della legalità americana, in:  http://www.homolaicus.com/linguaggi/glossario_diritto_usa/letteraj.html
**) vedi sopra

 Fonte: http://studirevisionisti.myblog.it/archive/2012/12/09/storiografia-olocaustica-e-leggi-liberticide-antirevisionist.html

2) Sulle testimonianze prendiamo atto delle “Considerazioni storiche sulla «testimonianza unica» di Shlomo Venezia…«La verità sulle camere a gas» ?”

2.1) Altra testimonianza di “peso” quella dell’ebreo wiesel elie, analizzata dal Mattogno: http://studirevisionisti.myblog.it/archive/2012/01/10/elie-wiesel-il-piu-autorevole-testimone-vivente-della-shoah.html

2.2) Altra testimonianza “oculare” sul cosidetto olocausto ebraico, quella dell’ebreo nyiszli miklos, sedicente collaboratore del Dott. Josef Mengele

2.3)  Altra carrellata di olotestimonianze: La israel-lobby e la sua industria di falsi testimoni

_______________________________________________________________
Olodogma informa che:
1) Non esercita filtro (solo antispam) sui commenti
2) I commenti sono di proprietà degli autori
3) Olodogma non si ritiene responsabile dei commenti lesivi dei diritti di terzi
4) Verranno rimossi
a- messaggi fuori tema con l’articolo
b- messaggi offensivi
c- messaggi che violano le leggi (istigazione a delinquere/violenza, diffamazione, apologia di reato)
N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. Foto,titolo di testa,colore, grassetto,sottolineatura,links,non sono parte del testo originale. In blue testi di Olodogma
Mail: olodogma@gmail.com .
Al seguente link l’elenco di TUTTI gli articoli presenti su Olodogma: http://olodogma.com/wordpress/elenco-generale-articoli/

Torna alla PAGINA INIZIALE

Lascia un commento