«

»

Giu 11

0267 – Il corriere della sera riesuma il piano nazzzzista di sterminio ebraico

Pillole di ignoranza storica

corriere della sera, diariorosenberg,11.06.2013Nel mondo di coloro che si interessano di “storia”, magari anche spicciola, è circolato per decenni il luogo comune che “Adolf Hitler ha ordinato la soluzione finale della questione ebraica” (der Endlösung der Judenfrage), inteso come lo sterminio degli ebrei. Padre “maggiore”  il cosidetto massimo esperto mondiale di “distruzione degli ebrei d’Europa“, tale hilberg raul, ebreo.  Nel contempo discendeva, da questo “ordine di sterminio“, la convinzione/certezza, luogo comune, dell’ovvio  “piano di sterminio“.

La prima “certezza”, gli ordini di sterminio (plurale perchè  “papa” hilberg parlava di 2 ordini scritti di Adolf Hitler), incontrò la “nera signora” nelle vesti del trio Faurisson-Zundel-Christie  e trovò l’ovvia, naturale, sepoltura al processo di Toronto nel 1985, assieme all’autorità/credibilità dell’hilberg (che ivi commise anche uno spergiuro!) ! Da allora di ordini di sterminio scritti nessuno parlò più! Un altro mito olocau$tico era miseramente crollato, da destinare alla “pattumiera della Storia”! Restava in piedi i “piano di sterminio“, ma lo stesso “papa sterminazionista”(hilberg) ne decretò la morte:…

wannsee,conferenza,repubblica,piano,sterminio,2012« Ma ciò che cominciò nel 1941 non era nessun tentativo di genocidio [degli ebrei], pianificato in anticipo e organizzato da un ufficio centrale . Non c’è stato nessun piano e nessun bilancio per questi provvedimenti di genocidio…Ciò accadde perciò non certamente eseguendo un piano ma per un’incredibile coincidenza d’intenzioni, una concordante LETTURA NEI PENSIERI A L T R U I d’una burocrazia [tedesca] di ben grande portata.»

Tali affermazioni sono vecchie di almeno 25 anni, ciò nonostante, nel 2013 esiste ancora un tale Francesco Tortora che in data 10 giugno 2013 alle ore 21:41 scrive, testualmente, sul Corriere della sera…

“Rosenberg, che fu uno dei principali ideologi delle teorie razziste e antisemite e che negli ultimi anni del regime fu «Ministro dei territori occupati» ruolo grazie al quale ebbe modo di impegnarsi in prima persona alla realizzazione del piano sullo sterminio di massa della popolazione ebraica”…(1)

Assurdità scritte nel 2012 da La Repubblica:

…”Così il Reich pianificò lo sterminio degli ebrei esiste ancora una copia del protocollo
Il documento uscito dalla riunione segreta del 20 gennaio 1942 sulla “soluzione finale”” (2)

Idiozie e bugie, tra altre, profferite dall’ebreo netanyahu benjamin all’ONU

UN-Generaldebatte in New York - Benjamin Netanjahu…” «Il mese scorso sono stato in una villa in un sobborgo di Berlino chiamato Wannsee. Là il 20 gennaio 1942 dirigenti nazisti di alto grado si ritrovarono dopo un buon pasto a decidere come sterminare il popolo ebraico. Gli appunti dettagliati di quell’incontro sono stati conservati dai successivi governi tedeschi. Ecco qui una copia di quegli appunti, in cui i Nazisti davano istruzioni precise su come portare a compimento lo sterminio degli Ebrei. Si tratta di una bugia?».

Sì, è una bugia. Che alla conferenza di Wannsee si sia deciso «come sterminare il popolo ebraico» è falso e ridicolo già per questo semplice fatto.

Il relativo protocollo (NG-2586-G) dice che «die arbeitsfähigen Juden», gli ebrei abili al lavoro, dovevano essere deportati all’Est «zum Arbeitseinsatz», per l’impiego lavorativo. Sulla sorte degli inabili al lavoro, quelli presuntamente destinati a sterminio immediato, il documento non dice nulla, tranne in un caso:

«Si ha l’intenzione di non evacuare ebrei oltre i 65 anni, ma di trasferirli in un ghetto per anziani – è previsto Theresienstadt».

A questa categoria, secondo il documento, appartenevano il 30% dei 280.000 ebrei che il 31 ottobre 1941 si trovavano ancora nel Vecchio Reich e in Austria, dunque 84.000 persone.

Il protocollo di Wannsee afferma inoltre che «anstelle der Auswanderung», al posto dell’emigrazione, era ormai subentrata «die Evakuierung der Juden nach dem Osten», l’evacuazione degli ebrei all’Est, e che appunto in ciò consisteva la soluzione finale della questione ebraica (Endlösung der Judenfrage).

Se dunque l’evacuazione all’Est, come si pretende, fosse stata sinonimo di sterminio, le SS avrebbero previsto di sterminare gli ebrei abili al lavoro e di non sterminare gli 84.000 ebrei inabili al lavoro summenzionati, ma di trasferirli in un ghetto per anziani!”… (3)

Assurdità e VERI FALSI STORICI, ma il “circo dell’olocau$to” deve sopravvivere, coi suoi manovali goyim  e col suo “clown fisso”, wiesel elie! Inevitabilmente la correttezza storica può attendere! $hoah must go on !

$hoah must go on

 Note:

1) http://www.corriere.it/cultura/13_giugno_10/ritrovato-diario-rosenberg-tortora_ae22d524-d1c0-11e2-810b-ca5258e522ba.shtml

2) http://www.repubblica.it/esteri/2012/01/12/news/protocollo_sterminio_ebrei-27995172/?ref=HREC1-9

3) http://studirevisionisti.myblog.it/archive/2012/01/08/i-nuovi-documenti-su-auschwitz-di-bold-de-una-bufala-gigante.html

___________ ! olodogma_informa_

N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. Le foto, colore, grassetto, sottolineatura, links,  non sono parte del testo originale. In blue testi di Olodogma Mail: olodogma@gmail.com . Per consultare l’elenco di TUTTI gli articoli presenti su Olodogma cliccare sul link http://olodogma.com/wordpress/elenco-generale-articoli/.

Torna alla PAGINA INIZIALE

Lascia un commento