«

»

Dic 05

0081- Legge sulla repressione della libertà di espressione: israel-lobby, l’espediente della “sede deliberante” / Andrea Giacobazzi

La proposta di legge “i$rale-lobby ultima chance” che “omaggia” con 3 anni di carcere  chiunque abbia, e la manifesti, una opinione diversa da quella NON FORNITA, NE’ PRECISATA (quindi mero olochiacchericcio ) dalla “i$rael-lobby”, trova rari timidi “oppositori” e alcuni, rarissimi, oppositori “nemici”. Qui presentiamo lo stralcio di un post di Andrea Giacobazzi, tratto da un sito ebraico,citato.

_______________________________________________________

Da “Historia Magistra Vitae” ai magistrati della storia

di Andrea Giacobazzi

 (…) In questi giorni pochi sanno che si sta discutendo in tutta fretta e in gran silenzio una legge che similmente vorrebbe mettere nella condizione di non nuocere alcuni soggetti socialmente pericolosi. Si tratta degli storici cosiddetti “revisionisti“.

Nella comunicazione del Senato diffusa sul sito istituzionale si parla di una proposta per contrastare chi – tra l’altro – “nega o minimizza la realtà dei crimini di genocidio, dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra, e dei crimini definiti dall’articolo 6 dello Statuto del tribunale militare internazionale, allegato all’accordo di Londra dell’8 agosto 1945 (tribunale di Norimberga)”1. Quindi non semplicemente chi “con comportamenti idonei a turbare l’ordine pubblico o che costituiscano minaccia” offende, ingiuria o fa apologia ma anche chi “minimizza” o “nega”.

Minimizzare? Negare? In quale senso? Quanto? Fino a che punto? Dal punto di vista storiografico un testo del genere non meriterebbe nemmeno un rigo di commento.

Gli storici dovrebbero iniziare a far ricerca sulle gazzette ufficiali o tra gli atti parlamentari e non più tra i documenti d’archivio. Diventerebbe obbligatorio annotarsi esclusivamente le dichiarazione dei tribunali militari e non più le memorie dei testimoni degli eventi passati. Alle diverse perplessità qui esposte si potrebbe aggiungere un’altra mezza dozzina di domande.

Sarebbero perseguibili anche quegli storici “non revisionisti” (o mainstream) che riportano nei loro studi cifre poco più basse di quelle ufficialmente accettate per legge?

[ Non solo ridurre! Se si accettasse la cabalistica cifra di 6.000.000 verrebbero vietati anche i “rialzi” oltre i 6.000.000, e a tale proposito c’è  da segnalare che esistono varie fonti che forniscono cifre oltre il 6.000.000, Benz ed il suo gruppo è uno di questi]

(…) L’immodificabilità pubblica di una serie di avvenimenti storici significa che la documentazione da visionare è stata esaurita?

Si conferisce ad un tribunale il carattere di supremo garante accademico dell’analisi storica prodotta?

Perché questa attenzione del Parlamento italiano è rivolta solo ad un determinato gruppo etnico e non a quegli stessi italiani che furono assassinati ed infoibati alla fine del conflitto?2

Se, come in innumerevoli casi precedenti, si dovesse arrivare all’attenuazione o alla modifica di alcuni aspetti della “versione ufficiale” (si pensi al caso del massacro di Katyń), sarebbe giusto procedere ad una revisione fatta attraverso la communitas studiorum o piuttosto per mezzo delle aule parlamentari?

Perché chi pretende questa legge è così terrorizzato dalla ricerca storica?

Non è irragionevole pensare che dalla locuzione ciceroniana che vorrebbe la storia come “magistra vitae” si scivolerebbe – per mezzo di una atroce inversione – verso la magistratura come tutrice della storia.

Note

http://www.senato.it/senato/browse/3381?comunicato=44666&comunicato_giorno_mese_anno=26-10-2012.

Anche in questo caso, inutile dire che sarebbe inopportuna una legge volta a fissare la storia per decreto.

Fonte: http://www.freeebrei.com/discussioni/non-nominare-il-suo-nome-invano-antisemitismo-ebraico-e-antisemitismo-non-ebraico/andrea-giacobazzi-da-historia-magistra-vitae-a-magistrati-della-storia

_________________________________________
N.B. Grassetto,foto (modificata), sottolineatura, evidenziazione, NON sono parte del testo originale qui riprodotto, in BLUE testi di Olodogma. Mail: olodogma@gmail.com . Per consultare l’elenco di TUTTI gli articoli presenti su Olodogma cliccare sul link http://olodogma.com/wordpress/elenco-generale-articoli/.     Torna alla PAGINA INIZIALE

Lascia un commento