«

»

Ott 09

0008- La Convenzione di Budapest e il Protocollo aggiuntivo…sono la “Conferenza di Wannsee” e la “Endlösung” della libertà di espressione?

Premessa redazionale

Il Pirani è stato membro del PCI,…« “togliattiano puro e duro“…”come è possibile che personaggi intelligenti, preparati e risoluti nel dichiararsi indipendenti abbiano potuto non solo restare in un partito come il Pci, ma anche esserne i portaparola e gli esaltatori?“…”Pirani recita un mea culpa. “Non capivamo – scrive – che stavamo diventando succubi di un nuovo credo globale, di una fede per noi inedita che, ingabbiandoci in uno schema di pensiero“»…[ Fonte: Mario Cervi – Sab, 11/09/2010- http://www.ilgiornale.it/news/mario-pirani-confessa-aver-sbagliato-tutto-ne-va-ancora.html ]

…”Per quanto possa sembrare strano, in Europa è la sinistra parlamentare che trae i benefici dallo sfruttamento di Auschwitz…La sinistra dominante europea dipende oggi totalmente dalla versione ufficiale dell’Olocausto e di Auschwitz…A quanto pare, Auschwitz è l’ultima barricata della sinistra (parlamentare)…dal momento che essa è politicamente dipendente dall’immagine dell’ebreo come vittima innocente, la politica dominante della sinistra europea non potrà mai sostenere pienamente la causa palestinese. Auschwitz è diventato il simbolo del legame tra la sinistra parlamentare europea e la destra espansionista americana“… Parole dell’ebreo Gilad Atzmon. (Fine premessa redazionale)

__________________Da “La repubblica” del 08-10-2012____________________

Stop agli immondi inni del nazismo in rete
Dopo la morte di Shlomo Venezia, le farneticazioni negazioniste. Che in Italia non possono essere punite

di MARIO PIRANI
Nella notte del  1° ottobre è morto a Roma Shlomo Venezia 1 all’età di 89 anni. Era una figura storica. Degli ebrei tornati da Auschwitz,  figurava tra i pochissimi  –  una diecina in tutto  –  sopravvissuti dopo l’ultimo, atroce soggiorno in attesa della morte in un Sonderkommando, le squadre di internati che nel lager, prima di essere uccisi a loro volta,  erano obbligati alle ultime operazioni di smaltimento e cremazione dei cadaveri delle vittime dei forni.

[Danuta Czech ,storica ufficiale del Museo di Auschwitz spiega l’origine e il significato del termine Sonderkommando” come segue:

«Il campo di stermino creò anche un altro gruppo di persone – quelle che erano costrette a lavorare nei crematori e nelle camere a gas – le sventurate persone assegnate al lavoro nel Sonderkommando (commando speciale). Le SS avevano bisogno di parole cifrate quando parlavano dello sterminio in massa degli “indegni di vivere”. Esse si riferivano allo sterminio in massa e ai trasporti designati per la selezione come “trattamento speciale” (Sonderbehandlung, spesso abbreviato in SB). Donde anche il termine Sonderkommando».

In altre parole, poiché nei crematori si svolgeva presuntamente un’attività criminale indicata dal “criptonimo”  Sonderbehandlung, il personale che vi lavorava non poteva essere che un “Sonderkommando” e, ovviamente, di tutti i “kommandos” che esistevano ad Auschwitz, questo doveva essere l’unico a meritare la qualifica disonder”, per  evitare che la terminologiasonderperdesse la specifica connotazione criminale che le viene attribuita dalla storiografia ufficiale.
L’identificazione del ““Sonderkommandocon la funzione standard accettata NON corrisponde a verità. Ad Auschwitz esistettero molti “Sonderkommandos”, qui un elenco documentato:
· “Installation des Sonderkommando-Birkenau BW 20 KGL”: commando di elettricisti che lavoravano all’impianto di corrente per forza motrice (Kraftstromanlage) del campo di Birkenau, Bauwerk 20.
· Sonderkommando-Schädlingsbekämpfung: commando femminile addetto alla disinfestazione.
· Sonderkommando-Reinhardt: commando femminile impiegato nella cernita del vestiario.
· Sonderkommando Zeppelin: commando esterno con sede a Breslau.
· Sonderkommando 1: commando addetto all’immagazzinamento degli effetti personali dei detenuti deportati ad Auschwitz.
· Sonderkommando II: senza indicazioni[12].
· Bauhof-Sonderkommando (S.K.): commando impiegato nel deposito dei materiali da costruzione[13].
· Dwory-Sonderkommando (S.K.): commando che lavorava a Dwory, un villaggio situato a circa 10 km a est della città di  Auschwitz.
· Buna-Sonderkommando (S.K.): commando impiegato a Monowitz.
· Bekleidungs-Werkstätte-Sonderkommando (Bekl.Werkst.S.K.): commando che lavorava nei laboratori di vestiario.
· D.A.W.Sonderkommando (S.K.): comamndo assegnato alle industrie degli armamenti delle SS (Deutsche Ausrüstungswerke).
accreditare la tesi che ad Auschwitz esistette un solo ed unico Sonderkommando, che operava nei crematori, e doveva essere l’unico perché il suo nome doveva richiamare il suo presunto compito di cooperazione nella pretesa Sonderbehandlung. Per chiarimenti ulteriori http://studirevisionisti.myblog.it/archive/2012/01/11/i-sonderkommandos-di-auschwitz.html ]

Venezia si era salvato in extremis. Su questa esperienza inumana aveva scritto un libro,

[Su tale libro è utilissimo leggere l’analisi fredda e tecnica del massimo specialista del lager di Auschwitz(e non solo di Auschwitz) lo storico Carlo Mattogno che demolisce gran parte delle credenze sterminazioniste http://studirevisionisti.myblog.it/archive/2012/01/08/007-considerazioni-storiche-sulla-testimonianza-unica-di-shl.html ]

ma più importante di ogni iniziativa, in cui fu coinvolto dopo la guerra con i suoi compagni, furono le testimonianze davanti ai tribunali alleati in cui essi comprovavano per visione diretta le caratteristiche delle camere a gas e le operazioni di sterminio.

[ Mettiamo in chiaro che:  DEPOSIZIONI del venezia davanti a tribunali NON ne conosciamo! Ma potremmo sbagliare,anzi sbagliamo sicuramente,ma sarebbe, il Pirani, così gentile da fornire qualche elemento un pò più convincente ? In quale processo avrebbe testimoniato il defunto venezia? Da quanto letto risulta che  non ha partecipato ad alcun processo contro i suoi persecutori:
non al processo Eichmann di Gerusalemme (aprile 1961-maggio 1962),
non al processo Auschwitz di Francoforte (dicembre 1963- agosto 1965),
non al processo Auschwitz di Vienna contro F. Ertl e W. Dejaco (gennaio-marzo 1972)
non ha contribuito alla condanna dei suoi carcerieri ]

Per questo le celebrazioni per la sua morte,  sono state particolarmente sentite dall’ebraismo romano, dall’antifascismo  e dalle rappresentanze dei sopravvissuti.  La cronaca non sarebbe completa, però, se lasciassimo passare sotto silenzio come i siti nazifascisti, la cui immonda propaganda , potenziata con vasta eco dal web si siano subito fatti vivi. Ecco come si è espresso il portavoce di uno dei siti più virulenti: “Morto il falsario olo-sopravvissuto Shlomo Venezia!” (omessa una,per noi irrilevante,parte del testo)

[ Siamo sicuri che certi duri giudizi sul venezia non siano il frutto di comportamenti “strabici”?…solo per citarme UNO,ma si potrebbe citarne ben altri, tipo quando il  Venezia, inizialmente, afferma che le ceneri con le ossa dei cadaveri
«venivano portate ad una spianata di cemento dietro al crematorio ( si riferisce al crematorio III), dove le ossa dovevano essere sminuzzate dai prigionieri con degli attrezzi simili a quelli usati per battere i sampietrini»( da: «La testimonianza di Salomone Venezia sopravvissuto dei sonderkommando»,1995, art. cit., pp. 36-37.)

Quindi TUTTI siamo sicuri che LUI ABBIA VISTO quella “spianata di cemento” !…lo afferma!

La foto del settore Krematori II e III di Auschwitz-Birkenau, foto aeree, del 25.08.1944. RG 373 Can F 5367, exp. 3185, Aug. 25, 1944, crematoria II and III. BallAirKremII_III…

PECCATO che tale “spianata di cemento” non sia  mai esistita in quel crematorio III: di essa non esiste traccia nelle fotografie aeree americane di Birkenau del 1944, in particolare in quelle, molto chiare, del 31 maggio 1944 , esistono resti architettonici in loco.
I revisionisti rilevano questa “svista” e lo scrivono
Nel libro,successivo, che il venezia firma nel 2007, “Sonderkommando Auschwitz. La verità sulle camere a gas.Una testimonianza unica” Rizzoli, Milano, …”stranamente” il venezia ha rinunciato alla storia della «spianata di cemento» !
Perchè?
Perchè rinunciare a ciò che aveva “visto” anche il suo congenere “Sonderkommando”  Filip Müller (da un’altra parte ,lo sappiamo bene,ma qualcosa “aveva visto”!

Quando gli “dobbiamo” credere?

Se molta gente, che  si sente presa in giro, reagisce pubblicamente, è male? ]

Piuttosto vogliamo fare il punto sulla Convenzione di Budapest, che con legge 18 marzo 2008, introduce norme internazionali sulla criminalità informatica sotto le sue varie forme e  stabilisce le necessarie modifiche ai codici di procedura penale dei paesi aderenti. L’Italia ha sottoscritto la Convenzione ma non ancora ratificato le norme applicative e, soprattutto, non ha firmato il breve ma importante Protocollo aggiuntivo che inserisce fra i crimini informatici anche qualsiasi forma di antisemitismo e razzismo sotto veste Web. La discussione, tipica del formalismo giuridico italiano, si è impantanata nella inclusione o meno del negazionismo, tra i crimini perseguiti, nel timore che questo apra infiniti e devianti contenziosi sulla libertà di espressione.  La discussione vede , da un lato, gli esperti del ministero della Cooperazione internazionale, Riccardi, favorevole a una condanna generalizzata e, dall’altra, i giuristi del ministero di Giustizia, pur guidato da una specchiata figura dell’antifascismo, come Paola Severino, che impersonò la parte civile contro  Priebke, che si mostrano restii ad inserire il negazionismo tra i reati da condannare. Tra l’una e l’altra interpretazione ci guadagnano i nazisti, perché nel frattempo, il Protocollo aggiuntivo di Budapest, non viene ratificato dal nostro Paese.
(08 ottobre 2012) –  Fonte: http://www.repubblica.it/cronaca/2012/10/08/news/stop_agli_immondi_inni_del_nazismo_in_rete-44115160/?rss

[Qui siamo al VERO punto centrale! Il NEGAZIONISMO!…magica parola! Un mantra! Imbibiti dall’OLODOGMA decine di migliaia di olosalariati “professori” NON sono in grado di contestare 4 “gatti” di revisionisti sparsi per il mondo!

…eppure insegnano dei “6.000.000“, delle “camere a gas“? Come lo documentano ? Con le chiacchiere di chi si è svegliato dopo un letargo di 50anni?

In fondo i “negazionisti”chiedono SOLO di vedere quella “montagna di documenti“,sempre affermata e MAI mostrata, che “attestano” il fatto olocausto! Cosa ci vuole ad esibirli? Se esistono e non si mostrano è perchè  SI VUOLE CHE ESISTANO GLI ODIATI NEGAZIONISTI! Se tali documenti NON esistono è ben vero che si è mentito! Che qualcuno ha falsificato!

Questo intento persecutorio,questa voglia di “leggi speciali”,di forca, verso i ricercatori storici cozza contro una precisa presa di distanza da tali leggi “anti-negazioniste“, dell’Human Rights Committee (Commissione per i Diritti Umani) delle Nazioni Unite, presa nella riunione, a Ginevra, nei giorni dall’11 al 29 luglio 2011, qui il testo con link:

(…) “Le leggi che penalizzano l’espressione di opinioni su fatti storici sono incompatibili con gli obblighi che il Patto impone agli Stati membri in relazione al rispetto per la libertà di opinione e di espressione. Il Patto non permette la proibizione pubblica dell’espressione di un’opinione erronea o di una interpretazione inesatta di eventi del passato. Restrizioni al diritto alla libertà di opinione non dovrebbero mai essere imposte e, riguardo alla libertà di espressione esse non dovrebbero oltrepassare ciò che è permesso nel paragrafo 3 o richiesto in base all’articolo 20″….

Il testo originale integrale, in inglese, è disponibile al seguente indirizzohttp://unipd-centrodirittiumani.it/public/docs/HRC_General_Comment_34…..

Evidentemente la posta in gioco è tanto grande che si può disattendere la “direttiva” dell’Human Rights Committee (Commissione per i Diritti Umani) delle Nazioni Unite e il diritto alla “Libertà di espressione” !

Cosa c’è da nascondere?  TUTTO, aggiungiamo noi! ]

L’ex ministro flick …” aveva indicato nel negazionismo «un fatto politico-ideologico preciso». «La Shoah ha influito sulle identità della nuova Europa sorta dalla Seconda Guerra Mondiale. Chi nega la Shoah nega l’identità europea».”

Fonte primaria : http://www.romaebraica.it/reato-di-negazionismo-finalmente-se-ne-comincia-a-discutere/ d: ripreso in : http://olo-truffa.myblog.it/archive/2012/02/12/sterminazionisti-variegati-a-convegno-notte-dei-lunghi-colte.html , di cesare donatella ammette onestamente:…”Chi nega, in effetti annulla e cancella il luogo della frattura da cui, con fatica, dopo la Shoah, sono sorte in Europa le democrazie,ne pregiudica il fondamento e il legame.”…

Fonte primaria: http://www.keshet.it/public/kesh%2017%20-%20donatella%20di%20cesare.pdf?idtesto=775, ripresa in : http://olo-truffa.myblog.it/archive/2012/01/29/sottoprodotti-dell-industria-dell-olocausto-di-stato-un-mare.html

Ecco motivato il perchè si DEBBA sopprimere la LIBERTA’ di ESPRESSIONE! Ecco perchè la “menzogna di Auschwitz” deve continuare! Ecco perchè sionisti, israel-lobby, comunisti difendono l’indifendibile versione standard del preteso olocausto ebraico!

Links utili :

http://studirevisionisti.myblog.it/archive/2012/01/08/007-considerazioni-storiche-sulla-testimonianza-unica-di-shl.html

http://olo-truffa.myblog.it/archive/2012/07/17/566-liberta-di-espressione-crucifige-liberta-di-ricerca-cruc.html

Sulla voglia di “forca” e di “Inquisizione sterminazionista” maggiori informazioni ai seguenti links:

a- http://olo-truffa.myblog.it/archive/2012/06/29/554-libert…

b- http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/10/28/riccardo-p…

c- http://studirevisionisti.myblog.it/archive/2012/01/11/car…

d- http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/12/03/419-achtun…

e-http://olo-truffa.myblog.it/archive/2011/08/19/308-repres…

 

Torna alla pagina iniziale
___________________________________________________________________

N.B. Sono graditi segnalazioni di errori/malfunzionamenti dei links.Grassetto,titolo di testa, foto, sottolineatura, evidenziazione, NON sono parte del testo originale qui riprodotto, in BLUE testi di Olodogma. Mail:olodogma@gmail.com. Per consultare l’elenco di TUTTI gli articoli di Olodogma,  cliccare il link http://olodogma.com/wordpress/elenco-generale-articoli/

Olodogma informa che:
1) non esercita filtro sui commenti dei lettori
2) gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi
3) in nessun caso Olodogma potrà essere considerato responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi
4) verranno immediatamente rimossi:
a) messaggi non concernenti il tema dell’articolo
b) messaggi offensivi nei confronti di chiunque
c) messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Torna alla pagina iniziale  

Lascia un commento