0657 – Beppe Grillo e il prof. Michele Vigliotti, “rettore” ed i suoi 6.000.000 (sei milioni) di morti ad Auschwitz!

.

Grossi calibri di ignoranza storica 6.000.000 (sei milioni) di morti ad Auschwitz …professori, rettori…educatori !

auschwitz,sei milioni trucidati,michele vigliotti,grillo,aprile2014Di per se la non notizia è tale, resta che ad affermare 6.000.000 (sei milioni) di morti ad Auschwitz è un soggetto, ” Prof. Michele Vigliotti, rettore del Convitto Nazionale “Giordano Bruno” – Via San Francesco D’Assisi, 119 Maddaloni (CE) 81024 – Tel: 0823-434918″ che spiega… “Noi siamo educatori“…! (1)

Ecco!

Anni di ricerche della storiografia sterminazionista avevano portato alla riduzione del numero dei morti di Auschwitz dal comunista 4.000.000 a 510.000 , di cui “solo” 356.000 “gasati”, ed ecco che il professore rettore “educatore” ci spara  “i sei milioni di ebrei trucidati ad Auschwitz“! Praticamente 2.000.000 (due milioni) più di quelli spacciati dalla commissione sovietica ed accettati come prova al tribunale farsa di Norimberga!

Signor Vigliotti, da dove ha tratto, CONTROLLATO, VERIFICATO, questa notizia dei 6.000.000 di ebrei trucidati ad Auschwitz?

Auschwitz,targa attuale, in vigore dal 1995

Auschwitz,targa attuale, in vigore dal 1995

La Direzione del museo ufficiale di Auschwitz afferma essere morti nel complesso concentrazionario e lavoro di Auschwitz circa 1.500.000 di persone, dove li ha recuperati i 4.500.000 che le servono per arrivare a 6.000.000?

In ultimo…”educatori”…queste sono le informazioni, di questo livello, date ai discenti?

La notizia è del giorno 16, delle ore 13,49 e non si conoscono, alle ore 10,28 del 17 Aprile, rettifiche del Vigliotti.

Nota:

1) La notizia è pubblicata da http://www.lunaset.it/news/83694/grillo-ironizza-su-auschwitz-lira-del-rettore-vigliotti e ripresa da http://interno18.it/attualita/41889/da-maddaloni-laccusa-grillo-vigliotti-ironizza-su-auschwitz-vergogna

_________Avvertenza_______________

seguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. In blue testi di Olodogma. Foto, titolo di testa, grassetto, links, colore, sottolineatura, evidenziazione, non sono parte del testo originale. Per  contattarci…  olodogma@gmail.com .   QUI  l’Archivio 1  e  QUI  l’Archivio 2 di Olodogma . Torna alla PAGINA INIZIALE

0656 – Andrea Marcenaro,Beppe Grillo,Emanuele Fiano,Primo Levi…campagna emotiva pro legge anti-negazionismo!

.

La u$rael-lobby olocau$tica usa/abusa il “marchio” levi primo  nella campagna emotiva, totalmente mediatica, finalizzata a creare un clima che favorisca l’approvazione della talebanica  legge liberticida contro il revisionismo storico del cosiddetto olocau$to ebraico. Questa premessa non ha alcuna relazione con la notizia sotto riportata. Olodogma

______________dal FOGLIO QUOTIDIANO_______________

marcenaro,ilfoglio,emanuelefiano,aprile2014

In 10 striminzite righe è concentrato un insieme “esplosivo”!  Andiamo per ordine…

Continua a leggere

0655 – Gian Antonio Stella e la piscina di Auschwitz…di Carlo Mattogno

 .

di Carlo Mattogno

 9 febbraio 2010

Gian Antonio Stella e la piscina di Auschwitz

Nel libro Negri, froci, giudei e Co. L’eterna guerra contro l’“altro”, Rizzoli, 2009, Gian Antonio Stella scrive:(pp. 195-196)

La piscina di Auschwitz, fotografata il 3 agosto 2006

La piscina di Auschwitz, fotografata il 3 agosto 2006

«Ditlieb Felderer, un austriaco di Innsbruck di famiglia ebraica che oggi vive alle Canarie, va oltre. Nel saggio Il diario di Anna Frank: una frode sostiene che sono tutte stupidaggini.

Che per esempio l’alloggio segreto dei Frank descritto dalla bambina “è un misto di realtà e fantasia, più fantasia che realtà” diffuso dai nostri “corrotti mass-media per guadagnare alla causa del sionismo vasti strati della popolazione” e che insomma tutta la storia dell’Olocausto va riscritta perché ad Auschwitz c’erano addirittura un bordello e una piscina per i detenuti più sportivi. Direte: come è possibile che qualcuno ci creda, nonostante… [seguono le “prove” che dovrebbero convincere che è impossibile crederci].

Continua a leggere

0654 – Grillo e il levi primo utilizzabile se lo usa il comunista DOC o le “donne”

 .

Click...

Click…

“Se non ora, quando?” 

è il titolo di un libro di levi primo, un ebreo, partigiano catturato in una operazione militare e internato in un campo di concentramento in Polonia. Il libro venne pubblicato da Einaudi, nella collana Supercoralli, nel 1982.

Quindi il titolo venne usato dal partito della Rifondazione Comunista (vedi il link del 14 Febbraio 2011 http://www.prcomunistalivorno.it/?p=2370)
Nessuno ebbe da ridire di questa approriazione.
Beppe Grillo ha usato il testo di un lavoro del levi primo ed è scoppiata la guerra!
Dove sta la differenza?

Manifesto dell'iniziativa delle "donne"

Manifesto dell’iniziativa delle “donne”

Lo stesso titolo  venne usato nel 2013 in una ” kermesse per la dignita’ delle donne organizzata dal comitato “Se non ora quando” a Roma e in piu’ di 230 citta’ italiane”…(http://tastorosso.wordpress.com/2011/02/13/se-non-ora-quando-iniziative-in-230-piazze-manifestazioni-sullonda-del-rubygate-per-chiedere-rispetto-per-luniverso-femminile/)
Anche in questo caso nessuno ebbe da ridire di questa approriazione!
Ripetiamo dove sta la differenza?

Due sfruttamenti , nel 2011 e 2013 “politicamente corretti” ed accettati! Il terzo, del 2014, ha creato il “furore”! Strano o…”alla terza si pela l’oca“?

Si ha la forte sensazione che questa operazione serva solo a generare “emozione” olocau$tica indispensabile ad agevolare l’approvazione della criminale legge anti-revisionismo che sta nel limbo della commissione giustizia del Senato!…e che non ha sbocchi, se non l’aborto! 

__________Avvertenza_______________

seguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. In blue testi di Olodogma. Foto, titolo di testa, grassetto, links, colore, sottolineatura, evidenziazione, non sono parte del testo originale. Per  contattarci…  olodogma@gmail.com .   QUI  l’Archivio 1  e  QUI  l’Archivio 2 di Olodogma . Torna alla PAGINA INIZIALE

 

0653 – Repressione della libertà di espressione,la legge/aborto anti-revisionismo in approvazione?

.

$$$_ legge_anti_revisionismo_negazionismo_pacifici_comunitàebraica_usuraDal blog di Andrea Carancini apprendiamo degli sviluppi dell’iter della “voglia di forca” della holocau$t-israel-lobby camuffata nella legge detta anti-negazionismo. Legge che tanto “ci serve“… Interessante notare alcune voci dei commissari che apertamente usano locuzioni tipo “reato di opinione”, “limitazioni della libertà di espressione”,”modifica peggiorativa”, molto evidentemente si sono resi conto di quanto grande sia il rischio della dittatura del pensiero unico sterminazionista! Il fatto è rilevante in se in quanto alla presentazione del DDL non si conoscevano voci fuori dal coro, oggi apertamente il testo è sputtanato per quello che è: l’esigenza della lobby olocau$tica  di tutelare il proprio tornaconto e sopravvivenza, minacciata, è il caso di dirlo, nelle sue fondamenta: la menzogna di Auschwitz, ideata ed orchestrata da USA-ex URSS, Polonia,Gran Bretagna, Francia,sionismo !  Chiudiamo la presentazione del post del Carancini con una citazione…

“(…) Oggi compri e leggi i libri che vuoi, senza pericolo di venire incriminato di attività anti-italiane o di tirarti in casa una perquisizione della polizia politica. Certo non è facile sottrarsi a tutti i condizionamenti, ma si può almeno scegliere il condizionamento che si preferisce. In uno stato autoritario non è così. La verità è una sola, proclamata dall’alto (…)”.

Primo Levi ha scritto questo “inno alla libertà” nel 1976, nell’appendice di un’edizione di “Se questo è un uomo” (Einaudi, 1976 – Pag. 221), ovviamente si riferiva alla repressione del “male assoluto” fascista… ebbene, io sono stato incriminato per aver letto libri, fatto ricerche storiche e diffuso “ideologie negazioniste”mi hanno sequestrato i libri definendoli “corpo del reato” nel cuore della notte sono stato perquisito e arrestato dalla polizia politica proprio perchè… la verità è una sola, proclamata dall’alto…. oggi… non nel 1943!!!
…di quale “stato autoritario” parlava Primo Levi?  (Biomirko,14 Marzo 2014)

(La foto di apertura è di Olodogma e non fa parte del testo originale) Olodogma

______________________________________________________________________________________

15 aprile 2014

In via di approvazione il DDL antirevisionista? 

Per quanto i giornali non ne parlino più, è ancora in discussione in Senato il DDL “bavaglio” (1) contro i revisionisti (e, quindi, contro la libertà di ricerca storica).

Continua a leggere

0652 – La Repubblica, Beppe Grillo, Alessandra Longo, sei milioni di gasati ebrei “dimagriti” a tre

.

Presentiamo un brevissimo estratto da un articolo di La Repubblica del 15 Aprile 2014 dove si muovono critiche (che qui non interessano minimamente) a Beppe Grillo… 

beppe grillo shoah olocausto p2_rende_liberi,aprile2014“Nel 1996 ecco il paragone tra Adolf Eichmann e Cesare Romiti, allora presidente della Fiat: «Eichmann ha gasato tre milioni di persone per un ideale distorto. L’ altro gasa milioni di persone per un conto corrente«. Quasi a dire: meglio il primo. Le camere a gas e la marmitta Fiat, i sei milioni di morti che diventano tre. Parole messe assieme per colpire, dissacrare, insensibilità, Continua a leggere

0651 – Carlo Mattogno: la persona che sa più cose al mondo sull’Olocausto

.

La persona che sa più cose al mondo sull’Olocausto

La persona al mondo che sa più cose sull’Olocausto è Carlo Mattogno. Il suo libro “Le camere a gas di Auschwitz” costituisce la summa mirabile di 30 anni di studi. E’ richiedibile, al prezzo politico di 35 euro alle Edizioni all’insegna del Veltro, Viale Osacca 13, 43100 Parma; FAX o telefono: 0521-290880; email: insegnadelveltro1@tin.it, oppure a: http://www.effepiedizioni.com/

UNA NUOVA OPERA AFFERMAZIONISTA SUAUSCHWITZ

di Carlo Mattogno, Gennaio 2010

Click per ingrandire

Click per ingrandire

La mia opera Le camere a gas di Auschwitz. Studio storico-tecnico sugliindizi criminalidi Jean-Claude Pressac e sullaconvergenza di provedi Robert Jan van Pelt (Effepi, Genova, 2009) è ormai uscita da parecchi mesi e, come previsto, quasi nessuno ne ha parlato. Lo farò brevemente io per celebrare degnamente la “Giornata della memoria”. L’opera in questione non è negazionista, ma affermazionista, perché confuta le interpretazioni proposte dai due autori menzionati nel titolo ricostruendo di volta in volta, grazie anche a documenti ad essi ignoti, il contesto reale degli eventi. Essa non è dunque sterile critica negativa, ma positivo apporto di conoscenza.

Anzitutto qualche informazione tecnica. L’opera conta 715 pagine, di cui 658 di testo; le restanti contengono 51 documenti. L’apparato critico è costituito da 2510 note con riferimenti a documenti provenienti da 22 archivi e da una bibliografia di circa 270 opere, di cui oltre 80 sulla cremazione. L’Appendice include tra l’altro un Glossario di oltre 400 termini tecnici tedeschi. L’opera è suddivisa in cinque parti e in 19 capitoli. L’Indice riportato sotto fornisce già un’idea abbastanza precisa degli argomenti che vi sono trattati. Mi limito perciò a brevi commenti. Continua a leggere

0650 – Per gli USA , prima dell’occupazione ebraica, la Palestina era deserta!

.

Post un pò fuori squadra. Serve premettere che qualunque sia la natura del governo del ghetto ebraico di Palestina, sinistra o destra, la violenza delle armi sioniste ha sempre garantito l’occupazione delle terre rubate nel 1948 agli autoctoni. Il titolo di “figli di sopravvissuti” peggiora l’azione … da marchiati a marchianti (1)!  Olodogma

Amira Hass

hass amira

…”Amira Hass (Gerusalemme, 1956) è una scrittrice e giornalista israeliana, conosciuta per i suoi articoli pubblicati sul quotidiano israeliano Ha’aretz.
Ha deciso di stabilire la propria residenza nei territori della West Bank e nella striscia di Gaza, condizione che le dà l’opportunità di raccontare i fatti e di osservare da una prospettiva palestinese il conflitto israelo-palestinese. Figlia di due attivisti comunisti ebrei, sopravvissuti all’Olocausto di Bosnia (la madre, Hanna Levi) e di Romania (il padre, Avraham Hass), Amira Hass è nata a Gerusalemme”… (Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Amira_Hass)

__________________L’articolo____________________

Da New York Amira Hass

Continua a leggere

0649 – Tazze da thè,Hitler e il lavaggio del cervello, distruzione, alienazione, rieducazione-umerziehung,fisting dei Tedeschi

.

Lavaggio del cervello→senso di colpa→isteria  è una sequenza logica

tazza,immagine.adolfhitler,hitler,aprile2014

Dire penoso è riduttivo,limitativo, fisting ci sembra corretto.

Il lavaggio del cervello-brain-washing, distruzione, alienazione, rieducazione-umerziehung, dei Tedeschi dal 1945

germania,modalità,occupazione,sipadrone,padrone,Il brano sotto riprodotto descrive il metodo usato dal sistema sterminazionista per la “educazione”  “finale” al sistema “migliore”,per definizione, democratico, gaskammercredente, seimilionidipendente, dopo le “educatrici” (“uccidine uno educane 100″!)  forche di Norimberga, delle «camere giudicanti», dove non si parlava  di imputati e condanne ma di rei ed espiazioni, del popolo tedesco e dell’intero universo goyish che fù alleato militare della Germania... Continua a leggere

________Avvertenza_______________

seguito di una  sentenza , a tutela di utenti/sito dal 2/8/13 i commenti sono chiusi. N.B. Sono graditi segnalazioni di errori o malfunzionamenti dei links. In blue testi di Olodogma. Foto, titolo di testa, grassetto, links, colore, sottolineatura, evidenziazione, non sono parte del testo originale. Per  contattarci…  olodogma@gmail.com .   QUI  l’Archivio 1  e  QUI  l’Archivio 2 di Olodogma . Torna alla PAGINA INIZIALE

0648 – Fermare il negazionismo! La fobia? La sostanziale parità di opinione, sul WEB,tra revisionisti e sterminazionisti

 .

Quanto siamo belli e bravi noi anti-negazionisti!

AAA OLODOGMA piccoloUn sito ebraico e il sito dell’Università Roma Tre ci informano su un

nuovo uso dello spazio universitario per discorsi sul “negazionismo” , la sua “pericolosità”, le sue “contraffazioni”, il suo “scempio della memoria”, sul suo minare l’”elemento fondante delle democrazie europee” ! Preoccupazioni, vere? Abbiamo seri dubbi se solo si tiene conto che versione standard sterminazionista e potere politico-finanziario-economico si sorreggono a vicenda e all’orizzonte non si intravede un nuovo Adolf che stampa moneta in proprio!

Quindi chiacchiere e nessuna contestazione NEL MERITO alle affermazioni revisioniste. Onanismo dell’olocau$tianesimo, definitiva religione dogmatica dell’Europa (e non solo) che non ammette libertà di espressione di opinioni non conformi. Riportiamo idue  testi e vi inseriamo i nostri commenti. In blue testi di Olodogma

__________________________________

università,romatre,shoah e negazionismo,vercelli,pisanty,10aprile2014,

…”Il fenomeno del negazionismo riveste un rilievo drammaticamente

( cosa ci sia di tanto drammatico in una esposizione di carattere storico,non è dato sapere, forse per l’articolista)

attuale per la sua allarmante diffusione

(ci è sempre stato detto che i “negazionisti sono 4 gatti, isolati, senza progetto complessivo…)

Continua a leggere