1006 – La nota manoscritta sulle “gasazioni” a Birkenau nell’ottobre 1944: una fonte storica?…di Carlo Mattogno

.

La nota manoscritta sulle “gasazioni” a Birkenau nell’ottobre 1944: una fonte storica?

Tra i cosiddetti manoscritti del “Sonderkommando” vi è una nota relativa alle presunte gasazioni effettuate nei crematori di Birkenau tra il 9 e il 24 ottobre 1944. Ber Mark, curatore di una edizione in jiddisch, tradotta in francese, di questi scritti, afferma che l’autore della nota è Lejb Langfus; egli ne riporta anche la traduzione in una apposita tavola1.

Immagine 1. Click...

Immagine 1. Click…

Il documento originale2 (vedi Immagine 1), presenta cinque colonne con abbreviazioni in polacco. La prima indica la data, la seconda il numero delle presunte vittime, la terza la categoria, la quarta la provenienza, la quinta il numero del crematorio in cui sarebbe avvenuta la “gasazione” (numerazione 1-4, corrispondente a quella più consueta II-V). Il numero totale delle presunte vittime è di 45.295.

Immagine 1

La parte iniziale della nota attribuita a Langfus

Questo documento può essere considerato una fonte storica?
Continua a leggere

1005 – «Le origini delle “camere a gas” di Auschwitz, vecchi e nuovi documenti», nuovo libro di Carlo Mattogno

.

Un nuovo libro di Carlo Mattogno su Auschwitz

La copertina del nuovo libro (immagine fuori testo). Click...

La copertina del nuovo libro (immagine fuori testo). Click…

Quando i Sovietici entrarono ad Auschwitz, trovarono una documentazione immensa. Buona parte di essa fu lasciata sul posto e fu successivamente usata dai Polacchi per il processo Höss e per il processo della guarnigione del campo, indi andò a formare l’archivio del Museo di Auschwitz; un’altra parte, circa 88.000 pagine, fu portata a Mosca e rimase inaccessibile agli studiosi fino all’inizio degli anni Novanta. All’apertuta degli archivi ex sovietici, inviati del Museo di Auschwitz fotocopiarono e microfilmarono sistematicamente l’intera documentazione; talvolta presero gli originali e lasciarono delle fotocopie, come nel caso degli Sterbebücher (registri dei decessi).

Raccolta questa enorme documentazione, gli storici del Museo cominciarono a catalogarla e a studiarla minuziosamente. Finalmente, nel 2014, uno dei frutti più importanti di questo lavoro è apparso sotto forma di un volume in polacco e in inglese a cura di Igor Bartosik, Łukasz Martyniak e Piotr Setkiewicz intitolato The beginnings of the extermination of Jews in KL Auschwitz in the light of the source materials (Auschwitz-Birkenau State Museum, Oświęcim, 2014) (vedi Immagine 1).
Continua a leggere

1004 – Olocau$to: gli storici non sono decisamente scemi, anzi! Devono mangiare!

.

Olocau$terminazionisti finti ingenui e banali espedienti di sopravvivenza
(del privilegio-privilegiato)

 

[olo-incubi] << Purtroppo per te sono vecchio del gioco. Io ti do un nome [di un testimone,ndolo] e tu lo dai in pasto a Mattogno. Non funziona cosi>>[Citazione]

L'originale.Click...

L’originale.Click…

Il 18.03.2015 alle ore 13,51

Domanda di “arba” :  <<Spiegami anche perchè gli storici seri non discutono con voi [si riferisce ai revisionisti, ndolo]. Tutti scemi?>> [1]

Risposta di “Armonica” :  <<Si chiama “istinto di sopravvivenza”. Per mangiare ci vogliono i soldi, per i soldi ci vuole un lavoro. Se lo storico si lascia andare non dico ad un approvazione, ma anche solo ad una vaga apertura ai revisionisti, il licenziamento, e la conseguente impossibilità di trovare lavoro, è quasi automatica. Continua a leggere

1003 – Ulteriori reazioni al post « morti olocau$tici, Magda Goebbels»…assassini della memoria 2^ edizione?

.

«Assassini della memoria» 2^ edizione?

In data 19.03.2015 avevamo inserito il post N°1.000 dove si riportava la notizia dell’inserimento nel database del museo dell’olocau$to  yad vashem di Gerusalemme del nome fittizio “Edith Frolla“. Venivano riportati altri due nomi fittizi inseriti nello stesso database. Il giorno 22.03.2015 si riscontra il fatto nuovo che “Edith FrollaNON è più presente tra i “morti” olocau$tianizzati con inalazioni di “ossido di carbonio” nel Konzentrationslager di Lublino-Majdanek!

L''inserimento di Edith Lang. Click

L”inserimento di Edith Lang. Click

Inserimento Dova Cohen. Click...

Inserimento Dova Cohen. Click…

Inserimento edith frolla! Click...

Inserimento edith frolla! Click…

L’attuale situazione dei tre inserimenti tests, alle ore 14.00 del 22.03.15, è la seguente;
1) Edith Lang ( PRESENTE alla verifica del 22-03-15, http://db.yadvashem.org/names/nameDetails.html?itemId=10240798&language=en) [1]
2) Dova Cohen ( PRESENTE alla verifica del 22-03-15, http://db.yadvashem.org/names/nameDetails.html?itemId=10240799&language=en [2]
3) Edith Frolla (Non più PRESENTE alla verifica del 22-03-15) [3]
Continua a leggere

1002 – Reazioni al post “La catena di montaggio dei morti olocau$tici, “Magda Goebbels”… nel database dello yad vashem?”

.

Click...

Click…

Il giorno 20 Marzo 2015 è stato un giorno strano. Olodogma ha pubblicato il post numero 1000 (  La catena di montaggio dei morti olocau$tici, “Magda Goebbels”… nel database dello yad vashem? ), “Marinetti probabilmente avrebbe apprezzato la trovata“, in cui si evidenzia l’involontaria possibilità, casualmente offerta, di uno sfruttamento del sistema di raccolta dati del “museo dell’olocausto” yad vashem di Gerusalemme, da parte di malintenzionati, per gonfiare a piacimento il numero dei morti-olocau$tianizzati. La notizia ha fatto un pò di giri ed il contatore di ingressi del sito è impazzito, e non solo!… il post è stato tradotto in francese e rilanciato da altri siti. Una valanga di accessi da stati francofoni ( e non solo!).

Riportiamo una breve galleria di screenshots…

Continua a leggere

1001 – Norimberga: il 24.03.2015 nuovo processo al revisionista tedesco Gerd Ittner

.

“le streghe volano a cavalcioni delle scope”

Gerd Ittner . Click...

Gerd Ittner . Click…

Interminabile serie di torture del GROD (Grande Regime di Occupazione Democratica, copyrighter dell’acronimo il Dott. Gianantonio Valli) sul cittadino tedesco e revisionista Gerd Ittner, addirittura, questa volta, accusato in base a delle lettere PERSONALI!

E’ ben vero che il Sole gira intorno alla Terra, come dice il libro degli ebrei, che una tale Maria rimase vergine dopo il parto e che le streghe volano a cavalcioni delle scope, ma la posta…PRIVATA!!!???

Il rogo di fascine è ben sostituito dal rogo giudiziario e mediatico. Riceviamo e pubblichiamo…

<< Il processo del revisionista tedesco Gerd Ittner è fissato per il 24 marzo (2015) a Norimberga, cioè tra 4 giorni. Nel nostro ultimo messaggio scrivemmo :
Continua a leggere

1000 – La catena di montaggio dei morti olocau$tici, “Magda Goebbels”… nel database dello yad vashem?

.

Con questo Olodogma “compie” 1000 posts.

Oggi dimostriamo (nuovamente) che il numero dei  morti olocau$tici vantati dal museo dell’olocau$to di Gerusalemme, yad-vashem, non è attendibile in quanto CHIUNQUE con pochi clicks può inserire un qualunque nome falso in quel database!  …da 1 fino all’infinito, è solo una questione di tempo e voglia…o necessità!

Magda Goebbels allo yad-vashem! Click...

Magda Goebbels allo yad-vashem! Click…

Crediamo di commettere un errore per difetto quando, trattando di cose olocau$tiche, affermiamo che il 99,99% degli “esseri umani” ha un approccio di
a- sudditanza estrema verso le fonti olocau$tiche,
b- timore reverenziale verso gli  olo-evangelisti, i suoi preti, i suoi dogmi
c- sacro terrore del solo immaginare di poter aver dubbi nel credo olonarrato-testimoniato.
Queste nostre conclusioni sono il frutto di anni di chats-forum-scambi di mails-discussioni dal vivo.
Eccezionalmente si trovano persone nè sudditi nè terrorizzati nè con timori reverenziali, in questa rara eccezione l’esplosione del “caso” è inevitabile: il “sistema olo-sterminazionista” si attiva violentemente per arrestare il percorso di questo temerario.
Avevamo già provato che tali fonti non sono indubitabili
a La (ri)costruzione dei documenti e della storia via WEB (vedere qui)
b- Il Dr. Mirko Viola e la fabbrica dei morti. Come “lievitare/certificare” il numero dei morti ebrei: l’OLO-ESPEDIENTE (vedere qui)
c- Breve nota di Carlo Mattogno su “The Central Database of Shoah Victims’ Names”(יד ושם,yad vashem) e il numero dei morti ivi riportati (vedere qui)

Ciò è la prova più evidente che il Vaticano dell’olocau$tianesimo, il museo dell’olocau$to di Gerusalemme, lo yad-vashem […”questo mausoleo di Yad Vashem sia stato costruito sulle terre e le rovine del villaggio martire di Ein Kerem… e di fronte a quello che era Deir Yassin”…”ce mémorial Yad Vashem a été construit sur les terres et les ruines du village martyr de Ein Kerem… et en face de ce qui fut Deir Yassin” ,Ziyad Clot “Il n’y aura pas d’Etat palestinien“ (Max Milo Editions) (http://www.michelcollon.info/Memento-1-Le-genocide-n-est-pas.html?lang=fr#_ednref24)], ha nel suo database di morti più errori e falsi! Quanti non è dato, ancora, di sapere, ma determinante è sapere che contiene dei falsi, e di varia natura come documentato, anche, dal ricercatore Carlo Mattogno (vedere qui).
.
Continua a leggere

0999 – Il vecchio trucco “israel-lobby” di barare sui termini “antisemitismo”, “odio”, “pregiudizio”. Obbligare Google, Facebook, Twitter!…cukierman, crif, aipac, Francia,

.

Fonte Amy Goodman - Shulamit Aloni,  Aloni on use of the anti-semitism charges to suppress criticism of Israel, Democracy Now, 14 agosto 2002

Fonte Amy Goodman – Shulamit Aloni, Aloni on use of the anti-semitism charges to suppress criticism of Israel, Democracy Now, 14 agosto 2002

Si ripete costantemente il vecchio trucco della “israel-lobby” di barare sui termini “antisemitismo”, “odio”, “pregiudizio”. Barare perchè si da per acquisita, che acquisita non è per nulla, anzi, una pregiudiziale antiqualcuno nella massa informe denazionalizzata dei Goyim. Per tentare di rimediare ai frutti velenosi dell’immigrazione, dalla israel-lobby propagandata e fortemente voluta come annacquamento-diluizione delle caratteristiche nazionali dei Goyim, frutti che hanno portato, nel caso francese, a far coabitare 6.000.000 di persone “mussulmane” con 5-600.000 “ebrei”, “ebrei” visti come rappresentanti del ghetto ebraico incistato in Palestina che pratica un sistema di apartheid, furto di terra e genocidio verso gli autoctoni palestinesi, si tenta di forzare la legge del 1881 che garantisce la libertà di espressione dei cittadini (francesi) per impedire che sul WEB si possano fare affermazioni che individuano, per esempio, israele come stato “razzista” e “genocida” e suoi correi chi lo sostiene, ovvero l’uso massiccio e spregiudicato della favolistica olocau$tica, scudo & spada del sionismo. Vediamo sotto una “presentazione” del caso ed una azione di “richiesta di supporto” al padrone-alleato americano affinchè “convinca” i grandi gruppi americani che operano sul WEB a limitare o impedire i “discorsi di odio” (ovviamente a tutela sionista!).
Continua a leggere

0998 – modiano samuele e la sua “razza” (ebraica, supponiamo) !

.

<<Per gli ebrei non valgono MAI le cose
che valgono per gli esseri umani>>

Con costanza nel tempo, come un fiume carsico, riemerge la “razza ebraica”, ci citiamo…

modiano samuele

modiano samuele

<< A volte torna!  Il leitmotiv o leitmotif, standard, omologato, conformista, base ideale della società giusta in cui ci tocca vivere, era: “le razze non esistono“, punto!  Il solo ipotizzare, accennarne, anche sovrapensiero, comportava e comporta biasimo, condanna (senza appello), marchiatura indelebile (magari con “aghi roventi”, di elisa-springer-venerata-memoria!) di “razzista”, con “sofferte” esternazioni a supporto, motivazioni tipo …”comincia così e si arriva ad Auschwitz“ >>… Eppure ci tocca leggere stamani 16.03.2015 che la “razza ebraica” esiste…(1) Vediamo…

Cancellare "razza", appello modiano.Click...

Cancellare “razza”, appello modiano.Click…

Il giorno 27 Gennaio 2015, ricorrenza del falso storico (2) della “liberazione” di Auschwitz, l’Università… 

<< la Sapienza ha rivolto un appello al Presidente del Senato della Repubblica e al Presidente della Camera dei Deputati affinché nella revisione in corso di alcuni articoli della Costituzione italiana sia modificato l’articolo 3, eliminando la parola “razza” >>…

tra i firmatari dell’appello appare il nome del dottore (honoris causa) modiano samuele. Ognuno è, naturalmente, libero di esprimere ciò che vuole (tranne i revisionisti del cosiddetto olocau$to ebraico), ma un minimo di “memoria” su quanto si è detto o firmato non guasterebbe!
Continua a leggere

0997 – Il dott. Gianantonio Valli invia 20 lettere senza risposta a tal gatti stefano dell’ “osservatorioantisemitismo.it” – fondazione centro di documentazione ebraica contemporanea di Milano

.

Innanzitutto individuiamo correttamente chi è il destinatario di tali lettere

Click...

Click…

E importante ricordare che tale CDEC  incassa 300.000 euro l’anno dallo stato italiano! 821.9 Euro al giorno! 1.591.454 di Lire !!! Vediamo, quindi, l’azione dell’ebreo gatti stefano che ha costretto il dott. Valli a sprecare parte del suo prezioso tempo: …

Articolo originale.Click...

Articolo originale.Click…

<< Tra gli interventi milanesi ci sono stati quelli di Jamal Abo Abbas, presidente della comunità siriana in Italia, dell’ex senatore comunista Fernando Rossi, attuale leader del partito Per Il bene Comune, di monsignor Hilarion Capucci, anziano vescovo melchita coinvolto negli anni ’70 in operazioni del terrorismo palestinese e condannato per traffico clandestino di armi, e Gianantonio Valli, famigerato esponente del neonazismo italiano. Valli ha pubblicato, anche recentemente, enormi volumi di polemistica antisemita in cui ha riproposto i principali temi del discorso antisemita nazista.

Gianantonio Valli ha pronunciato il suo lungo discorso a pochi passi dal Duomo circondato da ritratti di Bashar Assad, da bandiere rosse e da quelle gialle di Hezbollah.
Continua a leggere